Per il contributo di 600 euro alle partite Iva le domande si dovranno presentare la prossima settimana

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il decreto “Cura Italia” emesso dal governo oltre una settimana fa, sta creando in queste ore fibrillazioni, soprattutto nei possessori di partita Iva, in attesa che l’Inps dia il via libera alle domande per ottenere il bonus. Allo stato attuale sul sito Inps non esiste nessuna modulistica, ma solo delle comunicazioni.

Su questa vicenda abbiamo contattato il dottore Franco Polizzi commercialista nicosiano che ha dichiarato: “A tutti i clienti partite Iva di studio. voglio informarli che ancora oggi non esiste nessuna domanda predisposta dall’Inps per richiedere quanto promesso dal governo. E dunque se qualcuno vi dice che hanno presentato domande, prendetele come fake news. Sarete opportunamente informati immediatamente non appena ci sarà chiarimento da parte dell’Inps. Capite che qualcuno ci sta speculando per acquisire clientela”.

Un ulteriore conferma proviene dello stesso presidente dell’Inps Pasquale Tridico, che ieri sera ai microfoni del programma “Dimartedì” su La7 ha dichiarato: “I lavoratori autonomi che hanno diritto al bonus sono in pratica tutti, cioè circa 5 milioni di persone. Si tratta di un bonus ‘una tantum’, che si riferisce per adesso soltanto al mese di marzo e che sarà accessibile dal sito dell’Inps con una procedura, a partire dalla settimana prossima. È una sorta di reddito di cittadinanza universale”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: