Piazza Affari chiude debole, Moncler in evidenza

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Piazza Affari chiude debole, Moncler in evidenza


Seduta all’insegna della prudenza per le borse europee che hanno iniziato l’ottava sotto la parità in scia delle tensioni diplomatiche tra Washington e Pechino. Indicazioni poco rassicuranti anche dal negoziato sulla Brexit: nel corso dell’aggiornamento agli ambasciatori Ue, il capo dei negoziatori Michael Barnier ha evidenziato “serie divergenze” tra le parti.


Sul Ftse Mib, che ha chiuso in rosso dello 0,32% a 22.107,18 punti, la performance migliore è stata registrata dalle azioni Moncler (+1,85%) dopo l’annuncio dell’accordo con Sportswear Company, società che detiene il marchio Stone Island, per l’ingresso di Stone Island in Moncler “per sviluppare insieme una nuova visione di lusso”. L’accordo prevede che l’acquisizione abbia luogo sulla base di un controvalore di 1,15 miliardi di euro calcolato sul 100% del capitale (16,6 volte l’Ebitda 2020 e 13,5 volte il dato stimato sul 2021).



Chiusura in parità per Telecom Italia (+0,05%). La società ha annunciato di aver ceduto l’1,8% circa del capitale di INWIT (-0,75%) per un controvalore di circa 161 milioni di euro, a fronte dell’esercizio di opzione di acquisto da parte del veicolo costituito da Canson Capital Partners. “TIM cede così integralmente la propria residua partecipazione diretta in INWIT, continuando ad esercitare il co-controllo di INWIT, insieme a Vodafone, attraverso Daphne 3, holding di cui possiede il 51% e che detiene il 30,2% di INWIT”, si legge nella nota diffusa dalla società.


Debolezza invece per il comparto bancario con il –0,97% di Intesa Sanpaolo, il -0,78% di Banco BPM ed il -1,18% di UniCredit. Secondo quanto riportato dai giornali in edicola, tra i papabili alla successione di Mustier ci sarebbero Alberto Nagel, Marco Morelli e Victor Massiah (e non è da escludere che alla fine si possa optare per una soluzione interna).


L’eurodollaro si è confermato sui massimi da oltre due anni sopra 1,21 (1,21364, (+0,13%) mentre sull’obbligazionario lo spread Btp-Bund ha segnato un incremento del 2,47% a 116 punti base. (in collaborazione con money.it)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.





Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.