Piazza Armerina, arrestato dalla Polizia di Stato un giovane trovato in possesso di quasi un chilo di marijuana – VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Enna e del Commissariato di P.S. di Piazza Armerina hanno tratto in arresto il 22 enne M.G. per detenzione ai fini di spaccio di quasi un chilo di marijuana.

Il controllo portato a termine nel pomeriggio del 20 gennaio, aveva proprio come obiettivo principale M.G. che, da tempo, veniva monitorato dagli inquirenti in quanto notato più volte in compagnia di assuntori di sostanze stupefacenti.

La perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire, tra le botti di vino situate in un garage della sua abitazione, quasi un chilo di marijuana, divisa in sei contenitori, cinque in vetro e uno in plastica, e un bilancino di precisione.

M.G., a oggi, non era mai stato segnalato o arrestato dalle Forze di Polizia, anche se ha manifestato una certa conoscenza nell’attività illecita, circostanza questa che fa presupporre come non fosse alle prime esperienze. La droga, infatti, era ben celata tra le botti, ma pronta a essere prelevata, divisa, pesata e venduta o, comunque, ceduta.

Al termine dell’operazione di polizia giudiziaria, il ragazzo è stato condotto negli uffici della Squadra Mobile dove il personale specializzato del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica ha effettuato in laboratorio una primissima analisi sulla sostanza stupefacente, attraverso un accertamento qualitativo orientativo.

Dopo le formalità di rito, il giovane è stato tratto in arresto, considerato l’ingente quantitativo di marijuana rinvenuta e sequestrata, e messo a disposizione della Procura della Repubblica di Enna per le successive fasi del procedimento penale.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *