Piazza Armerina, prorogata al 10 maggio la chiusura della mostra personale di Luigi Previti

Condividi l'articolo su:

L’artista con la gallerista architetto Marina Roccaforte

Doveva chiudersi ieri, 4 maggio, la personale di pittura dell’artista Luigi Previti, inaugurata il 12 aprile scorso a Piazza Armerina nella galleria d’arte “Triskelion.  Per aderire alle tante richieste, la visita alla mostra potrà effettuarsi fino a venerdì 10 maggio, dalle ore 17:00 alle ore 20:00. “La proroga della chiusura della mostra – afferma la gallerista Marina Roccaforte – è dovuta all’interesse per le opere esposte, che hanno calamitato l’attenzione dei visitatori, suscitando emozioni”.

Luigi Previti sin da ragazzo si dedica alla pittura. Impressionista, oltre alle nature morte s’ispira a paesaggi ennesi. Si è impegnato anche in altre opere quali le pitture murali e tele di grandi dimensioni per chiese, scuole ed edifici pubblici. Ha frequentato l’Istituto d’Arte di Enna dove si è formato coltivando l’interesse per la pittura, sua passione giovanile. Il curriculum artistico spazia tra partecipazioni ad estemporanee, dove ha avuto premi e riconoscimenti, a collettive di pittura. Tra quest’ultime le più recenti sono quelle tematiche a Ortigia, Siracusa, “Sulla scia del Caravaggio” e a Piazza Armerina del Giubileo degli Artisti su “Gli Splendori della Misericordia”. A partire dal 1988 ha partecipato a vari concorsi e a personali di pittura, si citano quelli di Enna – Bari – Nicosia e Piazza Armerina. Molte le opere realizzate per committenze e donazioni. Tra queste le pale d’altare, dipinti su pietra, su labari e per serigrafie. Molti i disegni per illustrazioni di volumi e calendari artistici, quest’ultimi con testi dello scrittore e scenografo Vittorio Spampinato. Inoltre, nel 2012, ha tenuto presso la Scuola Nino Savarese un laboratorio pratico-manuale di disegno e pittura per alunni delle medie (progetto POR) nella qualità di docente esperto. Dal 2014 ad oggi, cura un laboratorio di disegno e pittura presso i locali della Confraternita di Santa Maria la Nuova.

“Nella pittura di Luigi Previti – si legge in una recente recensione di Sebastiana Di Marzo – l’elemento dominante, che sta quasi al centro della sua arte, è la natura. La sente, l’avverte in tutta la sua potenza e meravigliosa bellezza. Riesce a coglierla e a rappresentarla sempre in movimento, mai statica, immobile, ma viva e dinamica”

 Luigi Previti vive e lavora ad Enna. Le sue opere si trovano in collezioni private, scuole, chiese ed edifici pubblici.

Salvatore Presti 

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *