Piazza Armerina, tutto pronto per l’edizione 2019 di “Cortili e Balconi Fioriti”

Condividi l'articolo su:

“Cortili e Balconi Fioriti” sarà quest’anno una manifestazione ricca di eventi che, grazie all’impegno di scuole, associazioni, comitati di quartiere, commercianti e privati cittadini, trasformerà per tre giorni il prezioso centro storico di Piazza Armerina in una location dedicata all’arte e alla cultura.

Tra cortili e balconi, adornati con arte da sapienti mani, si potranno ammirare suggestive mostre, assistere a sfilate storiche, tra cui quella dei Cavalieri Templari, e a particolari performance legate al mondo della moda con la supervisione di Liliana Nigro. Le famose chiese del centro storico saranno aperte a disposizione dei visitatori e i tesori contenuti verranno descritti da esperte guide così come accadrà per i musei cittadini che fanno parte del Simpa (Sistema Museale Piazza Armerina), tra cui segnaliamo la preziosa Mostra Permanente del Libro Antico.

Quest’anno Cortili e Balconi fioriti intreccia i propri avvenimenti con il primo Festival internazionale Russia-Italia, dove per 4 giorni, nella grande piazza Falcone Borsellino che ha ospitato a settembre scorso la visita di Papa Francesco, a partire da giovedì 6 giugno si creerà un importante ponte tra due culture solo apparentemente distanti. Un ponte ideale che coinvolgerà aspetti legati alla gastronomia, allo spettacolo e alla cultura. Tra i due avvenimenti va anche inserito il passaggio delle auto d’epoca del Giro di Sicilia di venerdì che farà sosta, dopo aver attraversato la città, in piazza Cattedrale. Cortili e Balconi Fioriti si chiuderà domenica con un concerto del gruppo Arkinuè.

Piazza Armerina, città turistica e le cui strutture ricettive e i servizi turistici sono ben strutturate, si prepara a ricevere migliaia di visitatori con l’obiettivo di far conoscere loro una città che, oltre la preziosa Villa Romana del Casale, offre un patrimonio artistico, culturale e monumentale tra i più importanti del meridione d’Italia.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *