P!nk, ‘ho avuto Covid, governo deve rendere più accessibili i test’

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Coronavirus, P!nk: L'ho avuto anch'io, governo renda più accessibili i test


P!nk e il figlioletto di tre anni hanno avuto il Coronavirus. Lo ha annunciato la stessa cantante con un lungo post su Instagram, nel quale descrive come ha scoperto di essere stata colpita dalla malattia. “Due settimane fa io e mio figlio di tre anni, Jameson, abbiamo cominciato ad evidenziare i sintomi del Covid-19. Fortunatamente, il nostro medico di base ha accesso ai test, e io sono risultata positiva”, scrive P!nk.


“La mia famiglia era già al sicuro a casa, e così abbiamo continuato a fare per le scorse settimane seguendo le istruzioni del dottore. Pochi giorni fa abbiamo rifatto il test e grazie a Dio, adesso è negativo“, scrive la cantante, che critica la politica del governo americano: “E’ assolutamente ridicolo e fallimentare per il nostro governo non rendere i test più ampiamente accessibili. Questa malattia è seria e reale”.



Secondo l’artista, “la gente ha bisogno di sapere che questa malattia colpisce giovani e vecchi, sani e malati, ricchi e poveri, e tutti noi dobbiamo poter fare i test in modo accessibile per proteggere la nostra famiglia, i nostri bambini, i nostri amici”. La cantante rivela poi di aver fatto una grossa donazione all’ospedale di Filadelfia. “Nello sforzo di supportare gli operatori sanitari che combattono in prima linea ogni gioerno, ho donato 500mila dollari al Temple University Hospital Emercency Fund di Filadelfia in memoria di mia madre, Judy Moore, che ha lavorato lì per 18 anni nel reparto di Cardiomiopatia”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: