Premiati i Maestri del Commercio di Nicosia, Cerami, Gagliano e Troina – VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Venerdì 6 dicembre si è svolta a Nicosia presso la sala consiliare del palazzo di città, in Piazza Garibaldi, la premiazione de “I Maestri del commercio” 2019.

L’evento è organizzato dall’Associazione libera, volontaria e senza fini di lucro “50&Più”, il cui presidente per la provincia di Enna è Salvatore Catania. Si tratta di un grande sistema associativo e di servizi, (nato e cresciuto all’interno di Confcommercio – Imprese per l’Italia) che risponde alle richieste di consulenza, assistenza e benessere sociale delle persone, attraverso l’opera di 7.240 professionisti e 886 punti operativi dislocati in Italia e all’estero.

Sono ben 14 i premiati quest’anno, dei veri e propri eroi moderni, che con il loro lavoro hanno portato avanti le loro attività pe decenni incrementando l’economia delle comunità dove operano.

Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Nicosia Luigi Bonelli, è intervenuto Rosario Paternicò, coordinatore regionale di 50&Più. Sono intervenuti anche Salvatore Catania, presidente provinciale di 50&Più e Antonio Insinga, presidente della Confcommercio di Nicosia.

La cerimonia di premiazione prevedeva la consegna di un’aquila d’argento ai commercianti iscritti alla Camera di Commercio da almeno 25 anni. Sono stati premiati: Maria Concetta Amato di Nicosia, Francesca Bongiovanni di Nicosia, Grazia Bisignano di Troina, Luigi Bottitta di Troina, Nino Cantali di Cerami, Luigi Macrì di Troina, Tommasa Maggio di Nicosia e Rosaria Pacino di Gagliano non presente alla cerimonia.

Sono stati premiati con l’aquila d’oro per i 40 anni di attività: Giuseppa Bruno di Nicosia, Filippo Cacciato di Nicosia, Francesca Dispinzeri di Troina, Maria Lupo di Cerami, Francesco Riggio di Nicosia e Concettina Zaffora di Nicosia.

Una cerimonia che ha voluto ricordare come anche a Nicosia, Troina, Cerami e Gagliano, come in molti altri centri piccoli e grandi italiani, continuano a chiudere negozi e botteghe, soprattutto nel centro storico. Il commercio in generale perde colpi e il danno non è solo di natura economica, perchè i piccoli negozi che muoiono (soffocati da affitti troppo alti, vendite ridotte in loco a vantaggio di acquisti fuori del territorio cittadino oppure conclusi on line, burocrazia che confonde e scoraggia ecc.)  parlano soprattutto di storia e di comunità, sono pezzetti importanti della nostra identità che vengono persi per sempre.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: