Premio alla carriera artistica del celebre pittore ceramese, Cesare Di Narda

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 1 Ottobre 2020

Un altro premio prestigioso ha arricchito il già rilevante curriculum del geniale pittore ceramese Cesare Di Narda.  L’artista è stato insignito del “Riconoscimento alla carriera artistica”, di lungo corso, nell’ambito della “VII edizione internazionale delle Arti Visive” dedicata al compianto Giuseppe Sciuti” e svoltasi nella magnifica sala municipale di Zafferana Etnea (Ct).  Il sindaco, avv. Salvo Russo, la giuria del Premio con la presidente, Graziella Torrisi, il direttore artistico, prof. Paolo Giansiracusa, si sono divisi il compito di manifestare gli unanimi consensi e apprezzamenti per la capacità e l’estro creativo del premiato Di Narda.

Di lui colpiscono subito la scelta cromatica, i toni coloristici che sottolineano l’anima profondamente mediterranea. Colpisce il segno intenso e deciso, legato ad espressioni di vita, di sentimenti, concezioni che trasudano di senso e passioni oniriche, di tentazioni e aspirazioni, tutto nello spazio di una tela dove sogno e realtà si fondono.

Quale precursore della cosiddetta “Pittura colta” (lo testimonia il bel quadro dipinto nel 1966/67 ed esposto presso la sede centrale del giornale “La Sicilia”), il linguaggio artistico di Di Narda è riuscito a varcare i confini nazionali.

“Originalissima, da caposcuola, è la sua poetica –ha scritto tempo addietro il giornalista Sergio Sciacca– specchio di creazioni in cui mette assieme realismo, surrealismo e metafisica, secondo un’ispirazione in cui lo spirito moderno trae nutrimento dalle concezioni classiche”.

Le sue opere sono presenti in musei e raccolte pubbliche in Italia e all’estero. Molte anche le recensioni riportare nella storia della pittura contemporanea, nei più prestigiosi cataloghi e dizionari d’arte.

Diversi i premi vinti, tra i quali: Premio Regionale L’ulivo d’Oro a Belpasso nel 1966; il primo premio ex-aequo alla III Edizione Premio G. Sciuti di Zafferana nel 1968; a Milano, il premio acquisto Remo Brindisi della III Edizione “Premio Europa ’72”.

A valorizzare la stima e il talento di Di Narda concorre il capolavoro raffigurante San Valentino. La sua creazione, vincitrice del concorso d’arte sacra indetto dalla diocesi di Terni, e stampata in immaginette, è divenuta l’emblema in tutto il mondo della nuova figura del vescovo Santo, protettore dei fidanzati.

Di recente, invitato dallo storico dell’arte, prof. Giorgio di Genova, ha partecipato alla mostra di pittura su “Dante e i traditori”, tenutasi a Pescara.

Il premiato Cesare Di Narda, nel ringraziare la Giuria e gli organizzatori del “Premio di pittura Giuseppe Sciuti”, ha voluto rendere omaggio alla Città di Zafferana, donando un suo quadro al nascente Museo d’Arte Contemporanea.

 Carmelo Loibiso


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.