Pubblicato l’avviso per la nascita di comunità energetiche a Nicosia

Condividi l'articolo su:

Con l’approvazione della delibera di giunta 108 del 30 giugno 2021 l’amministrazione comunale di Nicosia ha deciso di intraprendete un percorso volto a verificare il concreto interesse all’istituzione di una o più comunità energetiche.

L’articolo 42 bis del decreto “Milleproroghe”, ha introdotto nel nostro ordinamento le figure dell’autoconsumo collettivo e delle comunità energetiche.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza approvato dal Consiglio dei Ministri ed esaminato dalla Commissione Europea, prevede un forte sostegno alle comunità energetiche e alle strutture collettive di autoproduzione.

Mediante la creazione di una comunità energetica è possibile condividere l’energia elettrica prodotta dagli impianti a fonte rinnovabile presenti sul territorio, auto-consumando in situ l’energia generata accumulata, con notevoli risparmi in termini di costi per la fornitura di energia elettrica e per le altre voci di spesa di norma presenti in bolletta.

L’adesione ad una comunità energetica consente di trarre notevoli benefici di diversa natura.

Benefici ambientali: derivanti, anzitutto, dalla drastica riduzione delle emissioni di CO2 quale logica conseguenza dell’incremento di produzione di energia da fonte rinnovabile.

Benefici economici: considerato che l’autoproduzione e l’autoconsumo in situ di energia consente una riduzione dei costi, e tenuto altresì conto dell’incentivo riconosciuto dal decreto ministeriale del MiSE del 16 novembre 2020 pari a G 110 per ogni MW di energia condivisa tra i partecipanti all’iniziativa.

Benefici di carattere sociale: stante che tale iniziativa di comunità facilita prassi di coesione sociale, favorendo il risparmio e lo sviluppo economico locale.

Con questa iniziativa il Comune di Nicosia intende rendersi protagonista del processo di transizione energetica nel proprio territorio, contribuendo alla costruzione di un nuovo modello di organizzazione sociale basato su produzione e consumo di energia proveniente da fonti rinnovabili.

L’ avviso al pubblico ha lo scopo di invitare la cittadinanza a manifestare il proprio interesse a partecipare all’istituzione di comunità energetiche nel territorio del Comune di Nicosia, compilando ed inviando all’indirizzo pec protocollo@pec.comune.nicosia.en.it oppure consegnandolo brevi manu all’Ufficio Protocollo del Comune – Piazza Garibaldi 1 – la manifestazione di interesse entro e non oltre il 2 agosto 2021.

In particolare si precisa che, i cittadini e le imprese presenti sul territorio possono entrare a far parte della prima comunità energetica istituita nel territorio del Comune di Nicosia in qualità di:

Produttore di energia: a questi fini, è necessaria la titolarità di un impianto di produzione di energia che rispecchi i requisiti dettati dall’articolo 42 bis del decreto Milleproroghe (ovvero sia alimentato da fonti rinnovabili, abbia una potenza complessiva non superiore a 200 kW, sia entrato in esercizio dopo la data del 1 marzo 2020).

Consumatore: in questo caso, è sufficiente la titolarità di un punto di prelievo di energia (POD) localizzato nel nucleo abitato del Comune.

Acquisite le manifestazioni di interesse, sarà cura del Comune con il supporto tecnico della SO.SVI.MA. Spa – Agenzia di sviluppo delle Madonie, verificare la possibilità di procedere all’istituzione di una o più comunità energetiche nel territorio comunale e quindi darne informazione diretta alle imprese ed ai cittadini che hanno fatto pervenire le manifestazioni.

 


Condividi l'articolo su: