Sancito a Nicosia il gemellaggio tra il Kiwanis Club locale e quello di Catania Est

Condividi l'articolo su:

Sabato 18 giugno si è svolta la cerimonia di gemellaggio fra i Club Kiwanis Catania Est e Nicosia, al fine di instaurare un rapporto di più intensa collaborazione fra due club, teso a meglio realizzare e a diffondere principi fondanti del Kiwanis. La cerimonia si è svolta nell’androne del palazzo municipale di Nicosia, alla presenza del sindaco Luigi Bonelli.

Hanno presentato l’evento, coordinato da Antonio Casale, segretario del club di Nicosia, i presidenti Angelo Nassisi e Carmelo Cigno, alla presenza dei luogotenenti governatori della Divisione 5 Paolo Lodato e della Divisione 2 Etna Patrimonio dell’Umanità Nuccio Giuffrida.

All’importante evento hanno presenziato diversi soci e officers, tra i quali il past Trustee International Elio Garozzo, il past luogotenente governatore Filippo Lizzio, i presidenti Luigi Timpanaro del Club di Enna, Salvo Musumeci del Club di Acireale, Angelo Corsaro del Club di Paternò e Prospero Sciuto del Club Etneo, i luogotenenti governatori eletti Giovanni Cannata e Antonio Sciuto.

La giornata è iniziata con l’accoglienza da parte dei soci del KC Nicosia agli amici del KC Catania Est, con la visita guidata alla chiesa Cattedrale di San Nicolò e alla chiesa del SS Sacramento, dove si sono potuti ammirare gli splendidi presepi in lamina di rame, vere opere d’arte, descritte in modo brillante e dettagliato dal maestro Santino Barbera.

Si è quindi passati al motivo principale di questo evento, quello che ha sancito il gemellaggio fra due club.

Dopo i saluti di rito rivolto agli amici kiwaniani e agli ospiti presenti da parte dei presidenti dei due club, il sindaco di Nicosia ha voluto ringraziare i partecipanti a questo evento, sottolineando l’importanza che i club service rivestono nel contesto socio-culturale del nostro territorio.

Dopo la lettura e la firma della pergamena, lo scambio delle targhe ricordo e dei gagliardetti del due club, i partecipanti alla cerimonia si sono trasferiti in un noto ristorante cittadino per la conviviale.

Nel pomeriggio si è fatto visita al Museo Diocesano, altro luogo che custodisce altrettante opere d’arte di notevole pregio, magistralmente descritte in ogni dovizia di particolare dalla direttrice del museo, la professoressa Lella Russo.

E’ stato un giorno vissuto all’insegna della vera amicizia, fra persone accomunate dagli stessi principi, quelli kiwaniani, per confermare insieme l’appassionato impegno al service in favore dell’infanzia.

 


Condividi l'articolo su: