Sensi replica a Dzeko, 1-1 tra Italia e Bosnia

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Sensi replica a Dzeko, 1-1 tra Italia e Bosnia


L’Italia non va oltre l’1-1 contro la Bosnia-Erzegovina nell’esordio nel gruppo A di Nations League disputato allo stadio Artemio Franchi di Firenze. Ospiti in vantaggio al 12’ della ripresa con Dzeko, al 22’ il pareggio di Sensi complice la deviazione di un difensore.


Al 6’ Pellegrini lancia Isigne che controlla di petto al limite dell’area ma il sinistro è alto. Ripartenza di Insigne che ruba palla a metà campo, l’azzurro avanza e al limite scarica per Chiesa che da posizione defilata colpisce l’esterno della rete. Sull’altro fronte incursione di un giocatore bosniaco viene neutralizzata da Bonucci.



Al 17’ punizione a giro dal limite di Insigne, la sfera termina poco lontano dall’incrocio dei pali. Al 26’ occasione per la squadra ospite, Visca tenta il tiro a volo nel cuore dell’aria ma calcia alto. Si difende con ordine la Bosnia, al 33’ è Belotti a provare a sorprendere Sehic con una girata rasoterra che si spegne tra le braccia del portiere. Poco dopo destro dal limite di Barella fuori misura. Allo scadere verticalizzazione di Insigne per Belotti, la palla però è leggermente lunga.


A inizio ripresa Insigne mette al centro un tiro cross velenoso spazzato via dalla difesa in affanno. Poco dopo incursione di Barella, il cross a centro area viene però intercettato da un difensore avversario. Al 51’ destro a giro di Insigne, Sehic blocca. Sull’altro fronte occasionissima per la Bosnia, Hodzic arriva sul fondo sulla sinistra, e dal fondo colpisce il palo esterno con Donnarumma battuto.


Al 54’ la replica azzurra con Pellegrini che pesca Insigne sul secondo palo, di testa l’attaccante azzurro colpisce il legno. Al 57’ la Bosnia passa: su azione da angolo la palla arriva a Dzeko che dall’area piccola non sbaglia. Tre minuti più tardi sempre l’attaccante della Roma tenta la conclusione centrale che non impensierisce Donnarumma.


Al 62’ punizione pericolosa degli azzurri con palla per Barella che si vede parare la conclusione sottoporta. Al 67’ il pareggio azzurro con Stefano Sensi che con l’interno piede dal limite, complice la deviazione di Sunjic, spiazza il portiere. Al 70’ Bosnia pericolosa, Visca pesca di testa Gojak ma Donnarumma è attento. La replica dell’Italia con Florenzi che controlla e tira ma il portiere fa buona guardia e si salva in angolo.


Mancini cambia l’attacco, dentro Zaniolo per Chiesa. Dentro anche Immobile per Belotti. Al 75’ tiro a giro di Insigne, la palla arriva sulla testa di Zaniolo che non riesce a coordinarsi. All’82’ contropiede Bosnia con Dzeko che pesca al limite Visca, il tiro potente viene disinnescato da Donnarumma. Mancini getta nella mischia anche Kean per Pellegrini. Nel finale contropiede bosniaco con Besic che entra in area da posizione defilata e piazza la palla sul secondo palo ma la sfera termina a lato alla sinistra di Donnarumma. Finisce 1-1, dopo 11 partite si interrompe la striscia di vittorie consecutive dell’Italia di Roberto Mancini.


Sensi – “Sono contento per il gol, però c’è un po’ di rammarico per il pareggio. Potevamo fare meglio, potevamo essere più cattivi ma non era facile ritrovarsi dopo dieci mesi. Siamo comunque contenti per la prestazione”. E’ il commento di Stefano Sensi.


Dzeko – “Ancora non siamo fisicamente al top, manca un po’ di brillantezza ma alla fine la partita è stata equilibrata. Abbiamo avuto due occasioni per fare gol come l’Italia. Ho giocato tante volte contro Bonucci, ci conosciamo bene ed è sempre un piacere giocare qui. Siamo contenti per questo punto dopo le due partite perse lo scorso anno”. E’ il commento dell’attaccante Edin Dzekoi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]

Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: