Serie A, ci siamo: chi vincerà questo campionato?

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ci siamo quasi, il campionato di Serie A sta per ripartire dopo la lunga pausa per i noti fatti. Come previsto ad aprire le danze dopo il lungo stop al calcio causa pandemia sono state le semifinali di Coppa Italia. Ora è la volta della finale, che si disputerà mercoledì 17 giugno, tra Juventus e Napoli. Dopo l’ultimo atto della coppa mancheranno giusto tre giorni prima della ripresa del campionato. Tra il 20 e il 21 giugno saranno disputate le quattro partite della 25ª giornata: Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari, Inter-Sampdoria e Torino-Parma. Confermate, invece, le date per la Coppa Italia: 13 e 14 giugno le semifinali e il 17 la finale. L’unica squadra che rischia di dover disputare 3 partite consecutive a distanza di poco tempo è l’Inter, che non a caso ha alimentato delle polemiche in merito alla ripresa dalla coppa.

Chi vincerà? Alla ripresa sarà ancora lotta a due tra Juventus e Lazio, ne sono convinti gli addetti ai lavori ed anche gli esperti di scommesse sportive live sulla Serie A di Starcasinò. Lo scontro diretto con i biancocelesti sarà alla quartultima giornata allo Stadium e Sarri ci vuole arrivare con un margine di sicurezza rassicurante: le due sconfitte contro Inzaghi, in campionato e in Supercoppa, sono state un piccolo grande choc per Madama e hanno lasciato le loro scorie. Due episodi, forse, ma che l’allenatore, almeno nel suo discorso pubblico, non è riuscito a spiegare.

Sarri ritrova a tempo pieno due colonne come Chiellini e Khedira e può contare sulla rosa più ampia di tutti per qualità e quantità (oltre che per monte ingaggi). La nuova regola delle cinque sostituzioni sembra quindi avvantaggiare i bianconeri. Un esempio pratico? Nella sfida vinta contro l’Inter sono entrati dalla panchina De Sciglio, Dybala (autore del 2-0) e Bernardeschi. Ma a disposizione, oltre a Buffon, c’erano anche Khedira, Pjanic, Chiellini, Rugani, Rabiot e Danilo.

La Lazio può sfruttare per l’ultima volta il vantaggio di essere fuori dalle coppe, dato che ripartirà una decina di giorni dopo rispetto a Juventus e Inter impegnate in Coppa Italia. L’entusiasmo della piazza e la vena di Ciro Immobile (27 gol, con 10 rigori realizzati) sono altri due elementi chiave da cui ripartire. Insieme all’autostima che le due vittorie sulla Juventus hanno regalato a Inzaghi e alla sua truppa. Anche giocare lo scontro diretto contro i bianconeri allo Stadium senza pubblico può essere un vantaggio.Fondamentale per i biancocelesti sarà partire col piede giusto, perché debuttare in casa dell’Atalanta è tutt’altro che facile.

Il fattore più penalizzante per Inzaghi sembra essere quello della panchina troppo corta, soprattutto nel confronto con la Juve, anche se Caicedo da bomber di scorta funziona. Puntare tutto sul campionato, a dispetto di Europa League e Coppa Italia, aveva funzionato.

La squadra biancoceleste, intanto, si prepara alla ripresa del campionato. Le ultime 12 giornate, infatti, propongono diversi scontri di alto livello per i biancocelesti. A partire dal ritorno in campo, con la 27^ giornata, in cui saranno di scena a Bergamo per affrontare l’Atalanta, il 24 giugno.

Tre giorni dopo Immobile e compagni ‘debutteranno’ in casa in questa inedita seconda parte di stagione, ospitando la Fiorentina. La successiva gara all’Olimpico vedrà i biancocelesti opposti al Milan, ma prima dovranno superare senza intoppi la trasferta contro il Torino. Lecce, Sassuolo e Udinese – quello contro i neroverdi l’unico appuntamento casalingo – saranno le avversarie successive, frapposte fra l’incrocio con i granata e il big match che tutti i laziali attendono da tempo: quello contro la Juve, in programma all’Allianz Stadium il 20 luglio.

Dopo la sfida ai bianconeri, i ragazzi di Inzaghi torneranno all’Olimpico per ricevere il Cagliari, prima di volare a Verona e chiudere la stagione tra le mura amiche contro il Brescia. Il campionato della Lazio terminerà nella tana del San Paolo, dove affronterà il Napoli sperando in un epilogo felice come quello del 2014-15.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: