Si possono contare le carte nel blackjack?

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In Italia il gioco d’azzardo riscuote da sempre un successo enorme, in special modo se si tengono in considerazione i giochi di carte leggendari come il blackjack. Costellato di figure importanti nel gambling, il blackjack ha una storia dibattuta e un passato molto interessante. In particolare, se si parla del conteggio delle carte, in passato questa pratica davvero discussa ha generato introiti milionari, seguendo strategie pianificate alla perfezione. Celebre la storia del “Blackjack team”, bandito da tutti i casinò, raccontata anche in un film con Kevin Spacey. Ecco perché in questo articolo cercheremo di dare una risposta ad un interrogativo che anima sovente i pensieri dei neofiti: si possono contare le carte a blackjack?

Una panoramica generale sul conteggio delle carte

Il conteggio delle carte non è una pratica illegale, e questo è bene premetterlo sin da ora, ma ciò non vuol dire che sia benvisto dai proprietari dei casinò di tutto il mondo. Al contrario, quando lo staff della sicurezza si accorge di un giocatore che conta le carte, lo mette in guardia in fretta, e se questo insiste lo allontana, invitandolo a non tornare più.  Nella storia del blackjack alcune figure leggendarie hanno addirittura costretto i casinò a cambiare regole e protocolli, per evitare perdite ingenti.

Prima di entrare nel merito, meglio partire dalle conoscenze fondamentali: per imparare come si gioca a blackjack, in questo post del blog di LeoVegas si possono trovare le regole del leggendario gioco di carte. Dunque, dicevamo che contare le carte non è illegale, ma anche qui bisogna fare una precisazione: non lo è quando avviene a mente, quindi quando si sfruttano le capacità mnemoniche e matematiche del proprio cervello. Se invece le si conta usando dei dispositivi appositi, allora i rischi sono parecchi.

I rischi del conteggio, dall’arresto alle perdite economiche

La tecnologia ha reso molto più complessa la sicurezza nei casinò. Volendo difatti è possibile contare le carte utilizzando dei piccoli dispositivi realizzati proprio per questo scopo, e nel corso dei decenni sono stati numerosi i giocatori ad aver realizzato delle versioni differenti di questi aggeggi, alle volte anche molto creative. È chiaro che questa è una pratica assolutamente illegale, e che comporta diversi pericoli in quanto si configura come vera e propria truffa, e può avere conseguenze penali come l’arresto.

In passato era infatti molto diffuso il fenomeno del cosiddetto “backrooming”: chi veniva pizzicato con questi dispositivi, veniva condotto nelle sale interne del casinò, e qui interrogato, schedato e alle volte anche picchiato. Oggi questi metodi si sono ammorbiditi, ma resta comunque il fattore intimidatorio molto forte, specialmente nei casinò di Las Vegas, perché in ballo ci sono parecchi soldi. E a proposito di soldi: contare le carte è una tecnica fruttuosa, ma solo se lo si fa con coscienza e dopo molta pratica. Se non la si padroneggia a dovere, infatti, può causare delle perdite economiche molto ingenti, e questo è un fattore che un neofita del poker dovrebbe sempre tenere in considerazione.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: