Soddisfazione dei sindacati per il lavoro svolto dal cda della Srr di Enna

Condividi l'articolo su:

Si è svolto venerdi 24 maggio il terzo incontro tra il C.d.A. della SRR e le organizzazioni sindacali UIL rappresentata da Filippo Manuella, FIADEL rappresentata da Salvatore Sauro, CISL rappresentata da Mario Stagno e CGIL rappresentata da Giovanni La Valle.

I rappresentanti sindacali hanno espresso in tutte le sedute il loro apprezzamento nei confronti del lavoro fin qui svolto dal presidente, il sindaco di Valguarnera, Francesca Draià.

Si sono detti soddisfatti per la notizia dell’imminente consegna e conseguente apertura della discarica di Cozzo Vuturo che oltre a ridare la possibilità del ritorno a lavoro delle unità fin qui impiegate ma al momento in aspettativa, potrebbe rappresentare un momento di inserimento di altri lavoratori nonché dare economicità al servizio svolto dai comuni e quindi alle tariffe pagate dai cittadini.

Piu volte tutte le sigle presenti hanno ribadito la loro richiesta che il passaggio sia fatto per tutti quei lavoratori che da troppo tempo aspettano una collocazione, in un’unica soluzione ed in tempi rapidi vista la sentenza di fallimento dell’ATO EnnaEuno che incombe sul loro futuro ed hanno sempre riscontrato la ferma volontà in tal senso del Presidente.

L’impegno di tutti e quattro i rappresentanti è quello di trovare accordi regolari tramite anche soluzioni alternative con il consenso dei lavoratori.

In tal senso, stando ai numeri in possesso della SRR, potrebbero essere ricollocati una trentina di impiegati tecnici amministrativi tra la stessa SRR, i comuni che ancora non hanno provveduto all’inserimento del personale amministrativo secondo le norme contenute nella legge 9/2010 e la società di scopo che gestisce gli impianti; per raggiungere tale obiettivo, tutti hanno sancito il principio di dare corso alle graduatorie esistenti

A questi va aggiunto il personale da sostituire nei cantieri già transitati alla SRR e che nel frattempo si sono dimessi o andati in pensione.

Tutto questo sarà possibile, oltre all’impegno già profuso dalla stessa SRR, con la collaborazione di tutti quei sindaci che sono a capo di quelle amministrazioni che ancora devono effettuare tali assunzioni e garantendo la dovuta copertura finanziaria, che ad oggi non viene totalmente corrisposta, alla SRR Enna Provincia ATO 6.

I sindacati auspicano in un senso di collaborazione da parte di tutti i comuni per poter finalmente chiudere un capitolo doloroso di questa provincia che tanto ha danneggiato il comparto rifiuti, con gravi danni occupazionali ed economici.

Le organizzazioni sindacali, la SRR ed il sindaco di Piazza Armerina si riuniranno lunedì mattina per discutere anche l’annosa vicenda di questo comune relativa al personale che, differentemente dalla maggior parte dei lavoratori del cantiere, decise di non licenziarsi per non perdere i requisiti maturati e che ancora oggi è in attesa di poter vedere sancito un diritto che da troppo tempo attendono.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *