“Sono guarito! Il virus peggiore è il panico”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  



CRONACA





Coronavirus, Nicola Porro: Sono guarito! Il virus peggiore è il panico


Sono guarito. Questo è il foglio della Asl Roma 1, che dopo due tamponi negativi mi ha comunicato che da questo momento in poi sono libero, almeno di andare a fare la spesa da solo“. Così Nicola Porro comunica in un video su Twitter di essere guarito dal Coronavirus. Il giornalista fa alcune considerazioni alla luce della guarigione dal virus: “Non è stata una passeggiata -dice Porro- è passata dopo tanto tempo, ma il mio pensiero è a quelle famiglie che hanno un familiare che non ce l’ha fatta perché, a differenza mia, sono morti”.


Ma la prima valutazione del vicedirettore del Giornale è che “oltre al virus, quello che bisogna veramente sconfiggere è il panico. La paura non aiuta a sconfiggere il virus, né quando ce l’hai, né quando senti i primi sintomi. E’ una tremenda sensazione che mi sembra si stia diffondendo nella nostra società”, dice Porro- che oggi accetta limitazioni alla propria libertà, limitazioni che oggi sono sacrosante ma domani potrebbero diventare prevaricatrici“.



E aggiunge: “E’ tremendo quello che sto dicendo, ma se io un invito posso fare, anche nel rispetto di chi non c’è più, è pensare che questa malattia si sconfigge per l’80% dei casi senza ospedale e il virus peggiore della società è farsi paralizzare. La malattia è tremenda ma la nostra paralisi può anche essere peggiore“.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.


TAG:
virus, coronavirus, Nicola Porro, guarigione, il giornale, giornalista coronavirus, ultime notizie coronavirus, tamponi coronavirus, trst coronavirus, quarantena, guariti coronavirus, zuppa di porro, test coronavirus, test negativo coronavirus




Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: