Sperlinga, avviata l’assistenza economica finalizzata per soggetti economicamente disagiati

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Per il terzo anno consecutivo l’assessore ai servizi sociali e vice sindaco del Comune di Sperlinga, Mary Zingale, ha avviato le procedure per il programma di assistenza economica finalizzata.

Con l’assistenza finalizzata il Comune di Sperlinga intende sostenere singoli soggetti in stato di povertà, con significativi problemi di disoccupazione e che si trovino in uno stato di forte disagio economico.

Nel mese di luglio 2017 il consiglio comunale di Sperlinga aveva approvato il regolamento per l’erogazione di servizi assistenziali economici e l’articolo 7 prevede l’assistenza economica finalizzata.

Il progetto è rivolto a persone residenti nel Comune di Sperlinga, che siano prive di occupazione, comprese in una fascia d’età tra i 25 ed i 55 anni (quest’anno la platea è stata allargata) e in possesso di un Isee non superiore a 8.000 euro. Il servizio è previsto per sei beneficiari (gli anni precedenti erano solo 4) per la durata di otto mesi ciascuno. Riceveranno un sussidio di 400 euro mensili per 20 ore di lavoro settimanali da svolgersi per cinque giorni la settimana.

In cambio i soggetti che riceveranno l’assistenza dovranno impegnarsi in servizi organizzati dall’amministrazione comunale: custodia, vigilanza, pulizia e manutenzione di strutture pubbliche comunali, salvaguardia e manutenzione del verde pubblico.

Non si tratta di un rapporto di lavoro determinato o indeterminato, ma semplicemente di un’attività occasionale in favore della collettività e per aiutare coloro che per l’età sono fuori dal mercato del lavoro e fanno fatica a trovare una collocazione lavorativa stabile. Il compenso ricevuto ha la natura di sussidio e non di compenso.

Gli interessati possono presentare presso il Comune, entro le ore 14 del 21 febbraio 2020, la domanda per accedere al servizio, allegando una fotocopia del documento d’identità valido, l’attestazione Isee e il certificato medico di sana e robusta costituzione. Il soggetto richiedente deve essere residente nel Comune di Sperlinga da almeno un anno, non deve aver partecipato nei due anni precedenti ad altri progetti di assistenza finalizzata, deve essere privo di occupazione, non deve essere beneficiario di interventi di sostegno al reddito del Distretto D23 e, infine, non deve essere beneficiario del reddito di cittadinanza.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: