Statale Nord-Sud. Senatore Trentacoste (M5S: “I lavori dei lotti della Nord-Sud inseriti nel Decreto Semplificazioni. Chiederò il completamento dell’infrastruttura”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In vista dell’incontro convocato in Prefettura il prossimo lunedì 3 agosto, in cui si discuterà della viabilità in provincia di Enna (terzo Tavolo tecnico-istituzionale sul tema), il senatore Cinquestelle Fabrizio Trentacoste anticipa alcune delle misure contenute all’interno del Decreto Semplificazioni che riguardano anche il finanziamento di cantieri nell’Ennese; nel dettaglio, alcuni lotti della “Nord-Sud”, la Strada Statale 117bis “Centrale Sicula”; ma anche le richieste che Trentacoste porterà al Tavolo convocato dal Prefetto di Enna.

Abbiamo incontrato il senatore Trentacoste ed abbiamo posto alcune domande su questa infrastruttura ritenuta fondamentale per lo sviluppo delle zone interne dell’Isola.

Partiamo dal Decreto Semplificazioni che prevede, come il nome stesso lascia intuire, un protocollo di semplificazione per accelerare sui cantieri del nostro Paese, bloccati da burocrazia e lungaggini amministrative e giudiziarie.

Si tratta di una misura innovativa che porterà al rilancio di molte infrastrutture e dell’economia, anche in Sicilia, prevedendo lo sblocco e la realizzazione di importanti opere, spesso incompiute sospese da decenni o progetti mai realizzati.

L’intervento mirato del Governo sta riavviando le procedure e predisponendo i necessari finanziamenti per garantire la prosecuzione dei lavori e il completamento delle opere. Finalmente, dopo anni di promesse, si lavora ad un serio rilancio dei cantieri in tutto il Paese, con un’attenzione particolare per il Meridione, al fine di colmare, almeno in parte, il divario infrastrutturale tra Nord e Sud Italia”.

Entrando nel merito delle opere inserite all’interno del Decreto Semplificazioni, da realizzare nell’Ennese.

Sono finanziati gli interventi previsti dal Contratto di servizio 2016-2020 tra Anas e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sull’itinerario “Nord-Sud”, Santo Stefano di Camastra – Gela, SS117 “Centrale Sicula” e contemplati dalle procedure per l’incentivazione degli investimenti pubblici, all’art. 2, comma 4, del Decreto Semplificazioni.

Più nel dettaglio: si procederà con il completamento e l’integrazione dei lavori di ammodernamento e sistemazione del tratto compreso tra i km 38+700 e 42+600 della SS117, in corrispondenza dello svincolo con la SS120 e lo svincolo di Nicosia Nord, (Lotto B5); e con i lavori di ammodernamento e sistemazione del tratto compreso tra il km 19+000 e km 23+200 (Lotto B2)”.

Nelle scorse settimane è stato inaugurato un tratto della stessa strada, la SS117, il cosiddetto Lotto B4b.

Con l’inaugurazione del Lotto B4b è stato dato un importante segnale al territorio e all’intero entroterra siciliano. L’opera, consegnata ai cittadini il 25 giugno scorso, migliora la sicurezza stradale, penso al terribile tornante di Malgurnò, e genera nuova speranza per il completamento di questa arteria, attesa da troppo tempo: i 6,7 km del lotto B4b aperti al traffico rappresentano questo. A breve, verranno aperti al traffico altri 3 km del lotto B4a.

Se quella tratta stradale appare al momento quasi isolata, ciò dipende dal fatto che i diversi lotti compresi tra Nicosia a Mistretta, hanno incontrato molte e diverse problematiche: alcune di carattere geo-tecnico, altre di tipo economico-finanziario, anche nel rapporto tra le imprese aggiudicatarie e sub-appaltatrici, altre ancora di natura giudiziaria, anche per contenzioso con Anas. Tutto questo ha finito per diversificare la storia dei singoli lotti appaltati, dando la sensazione di una mancanza di pianificazione complessiva dell’opera.

Adesso, puntiamo al completamento del Lotto B4a, che risente di gravi ritardi imputabili all’impresa e di cominciare, quanto prima, i lavori del Lotto B5 (svincolo di Nicosia), la cui progettazione esecutiva risente anch’essa di ritardi da parte dell’impresa.

La volontà è quella di completare i Lotti B entro la fine del 2022, così che venga ultimato il collegamento da Nicosia a Mistretta e, quindi, a Santo Stefano di Camastra, connettendo la SS 120 all’Autostrada A18 Palermo- Messina”.

Il nodo rimane quello dei Lotti C che collegano Nicosia a Leonforte e allo svincolo autostradale di Mulinello, che completerebbero l’arteria che attraversa le aree interne, collegando l’area Nord dell’Ennese all’autostrada A19 Palermo-Catania.

Una lunga tratta che potrebbe essere ripensata in termini di adeguamento della sede viaria esistente, per dare maggiore concretezza alla sua realizzazione, puntando ad un progetto sostenibile da un punto di vista economico e più veloce sui tempi di realizzazione. Una prova di condivisione nelle scelte che coinvolgerà le comunità locali e le parti sociali che saranno protagoniste di questa riscrittura e di una nuova sfida per il nostro territorio.

L’adeguamento del tracciato dovrà, in ogni caso, garantire la stessa sezione stradale, la stessa qualità delle opere accessorie, l’eliminazione degli incroci a raso con la creazione degli svincoli e la realizzazione di corsie dedicate ai mezzi pesanti nelle tratte in salita, per garantire maggiore sicurezza e velocità di percorrenza alle automobili. Caratteristiche analoghe ai lotti A e B già realizzati. Importante per la viabilità interprovinciale sarà la connessione tra l’itinerario Nord-Sud e la SS 121”.

Il 3 agosto prossimo, si terrà il terzo Tavolo tecnico-istituzionale in Prefettura per discutere della viabilità nell’Ennese. Cosa chiederà in quella sede?

La prima richiesta ad Anas e alla Regione Siciliana sarà quella di non essere lasciati soli e di onorare gli impegni assunti con il nostro territorio: la provincia di Enna ha bisogno del completamento di questa infrastruttura. Allo stesso modo, chiederò di fare il punto sulle manutenzioni in atto e in progetto relative ad altre strade di competenza di Anas, penso allo svincolo di Enna sulla A19 e alle SS 120 e 121. Chiederò, inoltre, tempi certi per le progettazioni delle varianti di Mistretta e Reitano e che la SP7a che collega Pirato alla A19 e alla SS 192, passi nella disponibilità di Anas, proponendo che quella sede stradale diventi funzionale alla riprogettazione dei lotti C di raccordo con l’autostrada.

So bene che c’è moltissimo da fare e per questo motivo continuerò a seguire l’avanzamento dei cantieri e della progettazione, così come della manutenzione ordinaria e straordinaria della viabilità del nostro territorio”.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: