Sulla nomina ad assessore a Piazza Armerina della consigliera Aura Filetti, interviene il coordinatore provinciale di FdI Carmelo Barbera

Condividi l'articolo su:

ARTICOLO PUBBLICATO IL 26 Novembre 2021

In merito alla recente designazione della consigliere Filetti quale assessore nella giunta Cammarata, interviene il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, Carmelo Barbera: “apprendiamo dai social che la consigliere Filetti è stata designata quale assessore nella giunta di Piazza Armerina. A lei auguriamo un buon lavoro e le migliori fortune politiche. Tuttavia è errato quanto dalla stessa affermato. La sua designazione non può essere considerata in quota Fratelli d’Italia. Il partito non ha fatto alcuna designazione né tantomeno i consiglieri comunali si sono premurati di interpellare il sottoscritto o il coordinatore comunale di FDI Piazza Armerina.

Assessore Filetti Siindaco Cammarata

Appare utile ricordare a tutti, soprattutto a chi riveste cariche elettive, che le decisioni politiche, nell’ambito del comune, vengono prese dal circolo territoriale, rappresentato a Piazza Armerina dal preside Cipriano.

Non esistono nel nostro partito le auto candidature o le auto designazioni, come è avvenuto in questo caso.

Nessun organo di partito ha designato la consigliere Filetti quale assessore nella giunta Cammarata per conto di Fratelli d’Italia.

Si è trattato di una condotta del tutto contraria alle regole di partito e a questo punto verranno sentiti gli organi preposti, a partire dal coordinatore regionale Salvo Pogliese.

Quanto a eventuali tentativi, come spesso è accaduto in un passato non troppo recente, di praticare nella destra ennese la politica del “divide et impera”, vogliamo fare presente che questa volta troveranno un muro molto difficile da abbattere.

Ringrazio il coordinatore Cipriano per il lavoro svolto fin qui a cui rinnovo la mia stima a la mia fiducia”.

 


Condividi l'articolo su:

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.