Toner per stampanti: ci servono davvero?

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I toner per le stampanti innescano nel 2021 un grande dibattito tra diversi pensieri. Da un lato il costo e dall’altro la questione ambientale. Andiamo più nel dettaglio.

Quando si vuole acquistare una stampante sorge sempre un quesito: quale tipo prendere?

Ebbene vi sono diversi tipi di stampanti che utilizzano 3 diverse tecnologie per stampare: toner, laser e cartucce.

La tecnologia laser è senza dubbio la più moderna, ha costi contenuti e la qualità di stampa è molto nitida e qualitativamente alta. Le cartucce sono anch’esse moderne e le stampanti a getto d’inchiostro sono dotate di 4 cartucce con i colori primari che combinandoli, permettono di poter riprodurre tutta la palette dei colori. Infine vi sono le stampanti con il toner e il tamburo.

Sono le stampanti con tecnologia più vecchia e sfruttano la pressione di un tamburo con dell’inchiostro per imprimere il testo o l’immagine su carta.

L’utilizzo di toner per le stampanti a tamburo e a laser ha da qualche tempo sollevato diverse polemiche in tematiche ambientali e di salute personale. Il toner infatti è costituito da nano particelle di carbone, ferro e altri minerali, estremamente inquinanti e difficili da riciclare. Spesso si dice che in una stanza dove vi sia una grande fotocopiatrice bisogna lasciare la finestra aperta, perchè la stampante durante il processo di stampa rilascia minuscole particelle nell’aria che poi vengono respirate e nel lungo periodo possono provocare dei danni al sistema respiratorio. Oltre ad un fattore di salute bisogna sempre fare attenzione all’ambiente e noi consumatori, anche se nel nostro piccolo, dobbiamo cercare di evitare di comprare prodotti che sono difficili da riciclare o per nulla riciclabili.

I toner ne sono l’apice, rappresentano una vera piaga per l’ambiente perché per smaltirli correttamente bisogna chiamare gli enti regionali che si occupano dello smaltimento dei rifiuti e trattarli come rifiuti speciali. Oltre ad un fattore di tempo si tratta anche di costi, soprattutto per lo smaltimento e per l’impiego di macchinari particolari per il riciclo.

In conclusione l’utilizzo di cartucce con inchiostro liquido costano di più ma strizzano l’occhio all’ambiente, che in ogni caso va sempre tutelato e protetto.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.