Trading Online: Piattaforma, Strumenti Formativi, Assistenza

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Per iniziare a fare trading online, uno dei primi fondamentali passi da compiere è quello della scelta del broker. Le valutazioni da farsi in merito a tale scelta sono moltissime, dal momento che parliamo dell’intermediario finanziario a cui affidare i nostri soldi da investire. Sul mercato operano moltissimi broker, ognuno con caratteristiche precise, che possono risultare idonei a differenti tipologie di investitori. In questo articolo vedremo proprio come determinare quale sia il miglior broker.

Broker online: legalità e semplicità di utilizzo della piattaforma

Determinare con esattezza quale sia il miglior broker del mercato non è possibile. Questo perché una volta attestata la legalità degli intermediari finanziari, che in Italia avviene per mano 

della Consob, ognuno di questi si differenzia rivolgendosi a precise categorie di investitori. Non tutti i trader infatti, hanno lo stesso livello di preparazione, i medesimi capitali da investire, ed altri requisiti personali che andremo a vedere. Uno dei primi aspetti ad esempio con cui si interfaccia un trader, è quello delle piattaforme. Stiamo parlando di interfacce grafiche che permettono all’investitore di interagire.

Queste possono funzionare solamente via browser, magari accedendo da un pc, oppure attraverso applicazioni per smartphone o tablet appositamente realizzate. Non tutte hanno lo stesso grado di difficoltà di utilizzo, e alcune risultano più user-friendly di altre. Infine, alcuni broker come Avatrade, fanno affidamento ad uno dei software realmente più amati dai trader professionisti: Metatrader. Ad ogni modo, valutare questo aspetto è piuttosto semplice, perché tutti i migliori broker offrono la possibilità di attivare un account demo gratuito. Tale conto concede un bonus virtuale, così da testare le funzionalità della piattaforma, senza rischiare i propri soldi.

Broker online: strumenti formativi e assistenza

Un altro parametro in grado di influenzare la scelta del broker da parte del trader, è il pacchetto di strumenti formativi messi a disposizione dall’intermediario finanziario. La formazione infatti, è alla base del successo di ogni attività di trading. Il conto demo gratuito su citato, rientra di diritto tra i possibili mezzi con cui formarsi, ma non è l’unico. Alcuni broker offrono la possibilità di partecipare a webinar, altri di accedere a dei veri e propri corsi online. Altri ancora permettono il download di manuali dettagliati. In questa situazione, il criterio di valutazione adottato per la scelta, deve essere quello delle proprie attitudini personali.

In seconda battuta, troviamo il fattore dell’assistenza. Per quanto si possa essere preparati e formati infatti, può sempre accadere di aver bisogno di un aiuto su una delle mille variabili che contraddistinguono il trading online. Alcuni broker sotto questo aspetto, si comportano meglio di altri, fornendo più canali di contatto. Tra le possibilità offerte, troviamo il ticket via e-mail, la chat in real time per scrivere ad un operatore, piuttosto che il tradizionale telefono, dove è possibile parlare con una persona in carne e ossa in grado di fornire assistenza in lingua italiana.

Broker online: commissioni e conclusioni

In linea di massima, tutti i broker online più affermati del mercato, non presentano particolari costi, e ad ogni modo sono decisamente più contenuti rispetto a quelli sostenuti con le banche, a cui tradizionalmente ci si rivolgeva fino a qualche anno fa. Il guadagno dei broker online deriva da una commissione sullo spread, ovvero la differenza tra il valore di acquisto e quello di vendita di un preciso asset. Questo è il motivo per cui è nell’interesse del broker che il trader raggiunga il suo obiettivo di profitto.

Senza entrare eccessivamente nel dettaglio dei costi, proprio il fatto che questi siano molto contenuti, ha determinato il successo del trading online negli ultimi anni. Investire in questo senso, può diventare una vera e propria attività indipendente, che se affrontata con responsabilità, può restituire molte soddisfazioni. Fermo restando il rischio intrinseco di ogni investimento, ovvero la possibilità di perdere il capitale investito.


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: