Tribunale di Nicosia. Sindaco Luigi Bonelli “Si riapre un barlume di speranza”

Condividi l'articolo su:

A seguito della nota delle parlamentari di Fratelli d’Italia, Chiara La Porta ed Eliana Longi, in merito alla revisione della riforma della geografia giudiziaria, interviene nel dibattito politico il sindaco di Nicosia Luigi Bonelli che ha dichiarato “Il nuovo governo nazionale più volte ha dichiarato la necessità di rivedere la geografia giudiziaria e la volontà di riaprire tribunali ingiustamente soppressi. Da qualche mese sto intessendo rapporti istituzionali con gli onorevoli Eliana Longi e Chiara La Porta (di Fratelli d’Italia), le quali grazie alla loro convinzione politica per una efficace giustizia di prossimità, alla loro sensibilità che la riapertura del tribunale è una necessità di un enorme territorio, grazie alla loro appartenenza storica a questo territorio, stanno portando avanti una giusta rivendicazione della nostra città. La mia amministrazione, forte, coesa, responsabile non risparmierà energie per raggiungere il traguardo. Abbiamo bisogno, come sempre, del sostegno di tutti i nicosiani, della responsabilità del consiglio comunale che sia consapevole della posta in gioco. Così come abbiamo bisogno che non vi siano elementi che turbino o avvelenino le acque indebolendo una storica possibilità. A Eliana Longi e Chiara La Porta la gratitudine della nostra città per la loro vicinanza”.

La mattina di sabato 28 gennaio l’amministrazione comunale di Nicosia con in testa il sindaco Luigi Bonelli incontrerà le due parlamentari in visita a Nicosia per l’apertura del circolo locale di Fratelli d’Italia in quella occasione faranno il punto della situazione su questa vicenda.

Si spera che in questa occasione sia il sindaco che il consiglio comunale di Nicosia vengano pienamente coinvolti nei diversi passaggi istituzionali, senza interventi di comitati e comitatini composti da persone non elette e non rappresentative che potrebbero causare solo confusione e divisioni e che qualche anno fa non hanno portato bene alla comunità nicosiana. Gli organi istituzionali a Nicosia esistono, sono fortemente rappresentativi e sostenuti dalla popolazione, non esiste il bisogno impellente di “maestri di sostegno”.

SERGIO LEONARDI



Condividi l'articolo su: