Tribunali soppressi, Agnusdei: “Per limitare gli assembramenti la ripresa dell’attività giudiziaria potrebbe proseguire nei tribunali chiusi”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Comitato Nazionale dei Tribunali Accorpati (Comitato di Coordinamento per la Giustizia di Prossimità), che annovera le rappresentanze amministrative, forensi e associative delle città sede dei 30 Tribunali che sono stati soppressi a seguito della riforma della geografia giudiziaria, ha inoltrato al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Giustizia e all’Intergruppo Parlamentare sulla Geografia Giudiziaria, istanza con la quale ha ribadito le ragioni già da tempo rappresentate per giungere alla riapertura degli uffici giudiziari accorpati e ve ne ha aggiunto di ulteriori, rivenienti dall’emergenza epidemiologica, che comporta la necessità di reperimento di nuovi spazi, soprattutto per evitare assembramenti e per consentire il distaccamento sociale, e quindi l’esigenza di riaprire quei Tribunali chiusi alcuni anni orsono, affinché possano alleggerire dal congestionamento gli attuali uffici giudiziari: è un forte auspicio far sì che, ora più che mai, il servizio giustizia torni vicino al cittadino e alla collettività.

Su questa iniziativa interviene l’avvocato Piergiacomo La Via: “Utile e proficua la riunione del Coordinamento Nazionale. Oltre alle ragioni che abbiamo evidenziato in passato sul fallimento della c.d. riforma di revisione delle circoscrizioni giudiziarie e, cioè, il peggioramento della funzionalità del sistema Giustizia, l’aumento della spesa pubblica, lo smantellamento di presidi di legalità dai territori e l’impoverimento degli stessi, oggi se ne aggiunge una ulteriore che giustificherebbe l’immediato utilizzo dei locali degli uffici soppressi. E cioè l’emergenza sanitaria. L’attività giurisdizionale si potrebbe svolgere nei locali delle sedi distaccate serenamente e con maggiore sicurezza limitando gli assembramenti”.

Questo è il testo inviato dall’avvocato Pippo Agnusdei, al Presidente del Consiglio, al Ministro della Giustizia, al Capo Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria e al presidente dell’Intergruppo Parlamentare sulla Geografia Giudiziaria:

“Questo Comitato Nazionale è stato ricevuto dal Sig. Ministro della Giustizia lo scorso anno, il 19 marzo 2019, in un lungo incontro presso il Ministero, nel corso del quale si è avuta l’opportunità di sottoporre a congrua disamina le tematiche attinenti all’utilità del ripristino degli Uffici Giudiziari soppressi a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 155/2012 sulla revisione delle circoscrizioni giudiziarie, segnatamente della riapertura dei trenta Tribunali Circondariali, le cui rappresentanze amministrative, forensi ed associative sono tutte presenti nel Comitato.

Il Comitato, in tale circostanza, ha rinnovato l’esposizione delle ragioni poste a sostegno della riapertura dei Tribunali soppressi.

Il Sig. Ministro, in detta occasione ha riaffermato la volontà di dare corso all’impegno di Governo in precedenza assunto, ha convenuto sul fatto che gli ipotizzati “Sportelli di Prossimità” non potessero costituire una alternativa ai Tribunali soppressi ed ha esposto l’intento di promuovere un lavoro di valutazione delle varie realtà territoriali affinché, mediante opportuna pianificazione, si addivenisse al ripristino di uffici giudiziari, Tribunali e Procure della Repubblica, e quindi al recupero della presenza dello Stato in quelle zone ove i Presidi di Giustizia erano venuti a mancare. Proponeva pertanto la costituzione di un gruppo di lavoro, partecipato da parlamentari soprattutto componenti delle Commissioni Giustizia presso le Camere, quindi un Intergruppo Parlamentare, con successiva riconvocazione di questo Comitato Nazionale per il prosieguo di tale lavoro.

Sempre nella richiamata circostanza, il Sig. Ministro ha altresì rappresentato la disponibilità del Ministero, nelle more dell’evolversi del lavoro avente ad oggetto la valutazione del ripristino di uffici giudiziari, a portare avanti le istruttorie attinenti alla applicazione dell’art. 8 comma 4 bis del decreto legislativo n. 155/2012, in virtù del quale sono possibili convenzioni che consentano l’utilizzo di strutture giudiziarie già sedi di giustizia dei Tribunali accorpati, affinché vi si svolgano attività giudiziarie ivi delegate dalle dirigenze dei Tribunali accorpanti, in forza di apposita convenzione tra il Ministero della Giustizia e le Regioni (chiamate a sostenerne gli oneri non rientranti specificamente tra quelli istituzionali del Ministero) che il Ministero stesso avrebbe autorizzato.

Il detto percorso, successivamente all’incontro del 19 marzo 2019 in Ministero, ha segnato alcuni passaggi significativi, in particolare l’audizione di questo Comitato Nazionale dinanzi all’Intergruppo Parlamentare, lo scorso 21 ottobre 2019, presso la Camera dei Deputati. A tale audizione avrebbero dovuto fare seguito sopralluoghi presso le realtà territoriali interessate al ripristino degli Uffici Giudiziari soppressi, incombenti ai quali comunque, come risultato dai contatti nel frattempo avuti con i componenti dell’Intergruppo Parlamentare, si sarebbe potuto anche soprassedere, sulla scorta delle evidenti risultanze già ad esso relazionate e dallo stesso acquisite.

Il lavoro suddetto ha subìto un rallentamento, dovuto evidentemente dapprima agli impegni sul versante della manovra finanziaria e, successivamente, alla emergenza epidemiologica.

Ma ora, proprio in virtù ed a motivo della emergenza da contagio, le ragioni addotte da questo Comitato a sostegno della riapertura dei Tribunali soppressi appaiono ancor più giustificate e, soprattutto, legittime, perché infatti si viene ad avvertire l’esigenza, che diverrà di certo stabile anche nel lungo periodo, di maggiori spazi ove far esplicare l’amministrazione della Giustizia, e quindi le funzioni giurisdizionali, se solo si guarda all’esigenza della eliminazione di assembramenti e della attuazione del distanziamento sociale.

Pertanto, questo Comitato formula istanza affinché le SS. LL. vogliano dare corso all’adozione di provvedimenti attraverso i quali giungere, in tempi quanto possibilmente brevi, alla riapertura dei Tribunali soppressi, prevedendo intanto, a motivo della preventivabile differenziazione delle tempistiche, l’utilizzo dei loro Palazzi di Giustizia al servizio dei Tribunali accorpanti. Siffatta disposizione, data l’emergenza epidemiologica, la necessità di rendere quanto più operativo possibile il distanziamento sociale e lo snellimento degli accessi degli utenti e degli operatori di giustizia nelle strutture giudiziarie, potrebbe essere di immediata emanazione sulla scorta dell’art. 8 comma 4 bis del Decreto Legislativo n. 155/2012,  mai come in questo caso rispondente all’urgenza di provvedere, e quindi, per il tramite di agile percorso normativo, statuire il ripristino dei richiamati Tribunali.

A tal proposito, questo Comitato formula richiesta di incontro, anche da remoto, da potersi tenere quanto prima con l’Ufficio del Ministro della Giustizia e/o con il Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, allo scopo di ulteriormente esplicitare le istanze già formulate e di far predisporre ogni opportuno incombente che rechi alle disposizioni qui richieste.

Ringrazio dell’attenzione e, in attesa di determinazioni auspicabilmente adesive, porgo deferenti ossequi.

Pippo Agnusdei”

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: