Troina, il Giorno della Memoria celebrato all’Istituto superiore Ettore Majorana

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 27 gennaio, Giorno della Memoria, le classi quinte dell’Istituto E. Majorana di Troina nell’aula magna hanno incontrato il sindaco Fabio Venezia, per un dibattito sulla cultura delle comunità ebraiche presenti nel nostro territorio e sulle tracce di una sinagoga a Troina.

Un evento voluto e organizzato dalla professoressa Maria Concetta Iacona, docente di Storia e Filosofia e dalla professoressa Alba Schillaci, docente di Lettere, affinchè la memoria di quel tragico ed oscuro periodo della storia d’Europa, non accada mai più accadere.

E’ stato interessante l’ascolto del racconto del sindaco Fabio Venezia in veste di studioso di storia, che ha condiviso con gli studenti le sue conoscenze che attestano l’esistenza di una sinagoga a Troina, e la presenza di una numerosa comunità ebraica a Nicosia.

Coinvolgente è stato il racconto sulle usanze della cultura ebraica, in modo semplice ha introdotto gli studenti in un mondo estraneo a molti, tanti gli spunti da cui far scaturire un dibattito e un confronto.

Molto significativo il riferimento all’opera del filosofo ed economista tedesco Max Weber, “L’Etica protestante e lo spirito del capitalismo”, che ha aiutato a comprendere lo stretto rapporto tra religione ed economia, utile per comprendere il popolo ebraico che per il loro stesso credo è sempre stato un popolo laborioso. Tanti i riferimenti affinchè la conoscenza di una cultura diversa dalla nostra abbatta i pregiudizi.

Il sindaco Venezia ha più volte ribadito l’importanza della conoscenza, unico strumento di apertura verso il prossimo e verso se stessi, senza il quale avremmo solo chiusure e conflittualità.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *