Troina, le imprese chiedono all’amministrazione comunale un intervento concreto per favorire lo sviluppo economico locale

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’attuale fase di crisi economica e le difficoltà ataviche di cui soffre l’entroterra siciliano sta mettendo a dura prova la capacità del sistema imprenditoriale troinese di resistere e competere nel mercato. Le imprese, già danneggiate dal contesto territoriale ed economico, cercano di trovare delle possibili soluzioni ai problemi che le colpiscono e per questo chiedono da tempo un intervento alle istituzioni competenti. Con la presentazione di una petizione, sostenuta da oltre 60 imprenditori locali, è stato chiesto un incontro all’amministrazione comunale per affrontare le tematiche di interesse locale. Nell’incontro, svoltosi giovedì 4 aprile nella sala riunioni del centro polivalente P. Impastato di Troina, alla presenza del Sindaco (Fabio Venezia) e dall’Assessore allo sviluppo economico (Giuseppe Schillaci) è stata manifestata la necessità di un intenso confronto tra l’istituzione comunale e le imprese per favorire lo sviluppo economico locale. Le imprese chiedono da subito delle risposte concrete e, nel rispetto dei ruoli propri di ciascuno degli interlocutori, propongono al Sindaco, alla G.M. e al Consiglio Comunale tutto, che il bilancio di previsione si faccia carico delle nostre proposte riassumibili in quattro punti programmatici:

  1. Riduzione al minimo di legge della tassazione locale (IMU e TARI) per gli immobili ad uso produttivo, per alleggerire il carico fiscale delle imprese e favorire la chiusura transattiva delle pendenze tributarie in corso;
  2. Sostegno alla creazione di una zona franca (zero tasse sulle Imprese) per le aree interne siciliane e revoca immediata dell’addizionale comunale IRPEF istituita con la Delibera del Consiglio Comunale 28 del 30/03/2019, che sottrae ulteriori risorse (600.000 euro secondo le previsioni del comune) alle imprese e alle famiglie troinesi;
  3. Pagamento integrale degli incentivi per le assunzioni delle imprese troinesi per gli anni 2016 – 2017– 2018 e rifinanziamento della misura;
  4. Utilizzo dei fondi royalties, destinati per legge allo sviluppo economico ed occupazionale, per la defiscalizzazione o comunque sgravi degli oneri sociali degli artigiani e delle P.M.I., la realizzazione di incentivi specifici per favorire l’efficientamento energetico e la competitività delle imprese troinesi e per ridurre il peso sulle imprese locali dello svantaggio territoriale che determina alti costi per l’energia, il carburante ed i trasporti.

Serve un intervento urgente dell’amministrazione comunale su questi temi che possono contribuire a ripristinare e migliorare lo stato di salute dell’economia troinese.

Occorre da subito, con l’approvazione del bilancio comunale di previsione 2019, dare risposte in questa direzione, perché esiste un sistema economico locale che esprime competenze e professionalità che, se adeguatamente supportate, possono concretamente contribuire allo sviluppo economico e sociale della comunità economica troinese!

Si chiede inoltre al Sindaco e all’Amministrazione Comunale tutta di attivarsi promuovendo un fattivo incontro con chi di competenza per rivedere le rendite catastali degli immobili destinati allo svolgimento di attività produttive e in particolar modo quelle d categoria “D”.

LE IMPRESE TROINESI firmatari delle petizioni

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: