Un atto d’amore verso la propria città il video musicale “Nicosia” – VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non poteva concludersi nel migliore dei modi il tragico 2020 che ha segnato tutte le nostre vite in modo indelebile.

A dare un segno di speranza per il 2021 ed una porzione di una ritrovata serenità e spensieratezza la produzione audio di Luigi Mancinelli e Peppe Campione della Ohm Rec Studio e la produzione video di Luca Biondo, che insieme alle riprese aeree di Antonio Raspanti e agli artisti Salvo Di Pietro, Giuseppe Spinelli, Francesco Proietto, Peppe Campione, Luigi Mancinelli, Eva La Giusa, Ilenia Faro e Vincenzo Nisi hanno saputo ancora una volta sorprendere e regalare al pubblico nicosiano un mix di emozioni.

Da incorniciare il cameo dei due artisti e comici nicosiani Mago Forest e Sebi Picone per la partecipazione al video. Un plauso a Tiziano Burrafato per la traduzione del testo in “gallo-Italico” e a Valeria Campione per il make-up.

Il rap musicalmente orecchiabile rientra senz’altro nei gioielli musicali prodotti in questi anni da tanti artisti nicosiani e che fanno di Nicosia una delle perle artistiche siciliane.

IL TESTO:

Scoọtẹlo ọ mio stile che ọ saẹ che è nəcọsciotọ
mə spẹngiọ a matina e mə vagọ a cattọ i zzucarinẹ nô griddottọ
nən costẹno mancọ ssaiotọ
e ọ catorzẹ d’agọstọ nə njẹma tutẹ a saigra dọ bəscotọ

Tə digọ gioia vìen zzà, nən tə səddié
sẹ digọ doẹ paroddẹ sọverciọ nən tə bilé.
ọ lune də pasqueta tutẹ nsembərọ a Saməché
sò i tradəzioẹ chẹ ghjə vuoẹ fé?

Che bello il mio paese,
passa un anno, passa un mese
può passare pure un’infinità,
ma Nicosia io ce l’ho qua.
Questa città io ce l’ho qua,
questo paese ce l’ho qua. (x2)

Mə rrəvẹgghio e cọmenza n auta səmana
vago a manciọ pə matina chî miẹ fraẹ ô Bar Diana.
Tâ sacheta ghj’ùa soọ i graẹ pô café
e mə sə prəsẹnta cheọ chə mə dì “chə d-aẹ fè? Ou, mọ dọnẹ ‘n eurọ?”

Però m’i spia cọ cortesia
nən sọgnọ ọ mago Forest però fazzọ na magarìa
ghjə fazzọ cọmparìsciọ diejọ eurẹ e s’î granfìa a corpọ sẹccọ
nən ghjə nə dọgnọ vintẹ massenò dəvẹnta ddẹccọ
Che bello il mio paese,
passa un anno, passa un mese
può passare pure un’infinità,
ma Nicosia io ce l’ho qua.
Questa città io ce l’ho qua,
questo paese ce l’ho qua. (x2)

E passiandọ ssọva stẹ quattrọ madọẹ
və digọ che sẹma ọ paisọ dî vintẹquattrọ barọẹ
e sẹma macara ọ paisọ də San Fọliciọzzọ
də criẹsjẹ e tradəzioẹ fradọzzọ zzà ghjə nə sò n’pọzzọ

Dọnca gioia, scoọta arrìa
gọscì ọra tə digọ na para də quatìẹrẹ che so’ intra Nəcoscìa:
Santa Crọsjọ, San Cataọdọ e macara Santa Maria
Puoe fenema cọ Casteọ, ghjə chianẹma dâ Porta Abbìa.

Də cose boẹ tə pozzọ fé a testa tanta
də cose boẹ ma fra niaoọte sẹma a terra santa.
Sẹntẹlo cheọ chə tə digo gioiellọ chə zzà ghjə sò cose maẹ viste
A uso chə sẹma ọ paisọ nâ tuta a Səcilia chə ghj’à i doẹ Cristẹ.

Che bello il mio paese,
passa un anno, passa un mese
può passare pure un’infinità,
ma Nicosia io ce l’ho qua.
Questa città io ce l’ho qua,
questo paese ce l’ho qua. (x2)

Traduzione:

Ascoltalo ascoltalo ascoltalo il mio stile,
che lo sai che è nicosiano,
mi alzo la mattina e vado a comprare gli “zuccarini” dal “griddotto”,
non costano neanche tanto,
e il 14 di agosto andiamo tutti alla sagra del biscotto!
Ti dico gioia, vieni qua, non ti seccare,
se dico due parole in più, non ti arrabbiare,
il lunedì di pasquetta tutti insieme a San Michele,
sono le tradizioni, che ci vuoi fare!

Che bello il mio paese, passa un anno, passa un mese,
può passare pure un infinità, ma Nicosia io ce l’ho qua!
questa città io ce l’ho qua, questo paese ce l’ho qua!

Mi sveglio ed è cominciata un’altra settimana,
vado a fare colazione con i miei amici al bar Diana,
nella tasca ho solo i soldi per il caffè,
ed arriva quello che mi dice: “che devi fare, me lo dai un euro?!”
Però me li chiede con cortesia,
non sono il mago Forest, ma gli faccio una magia,
gli faccio comparire 10€ e se li prende senza esitare,
non gliene do 20 altrimenti ci prende gusto!

Che bello il mio paese, passa un anno, passa un mese,
può passare pure un infinità, ma Nicosia io ce l’ho qua!
questa città io ce l’ho qua, questo paese ce l’ho qua!

E passeggiando sopra questi quattro mattoni,
vi dico che siamo il paese dei 24 baroni,
e siamo anche il paese di San Felice,
di chiese e tradizioni, fratello, qua ce ne sono un sacco!
Quindi gioia ascoltami di nuovo,
così adesso ti dico un po’ di quartieri che ci sono a Nicosia,
Santa Croce, San Cataldo e pure Santa Maria,
e finiamo con il castello, ci saliamo dalla “Porta Abbia”!
di cose belle ti posso riempire la testa,
di cose belle, fratello mio, noi siamo la terra santa,
ascolta quello che ti dico, “gioiello”, che qua ci sono cose mai viste,
tipo che siamo il paese, in tutta la Sicilia, che ha i due cristi!

Che bello il mio paese, passa un anno, passa un mese,
può passare pure un infinità, ma Nicosia io ce l’ho qua!
questa città io ce l’ho qua, questo paese ce l’ho qua!

 

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

I commenti sono chiusi.