Vaccino, all’Università di Palermo 400 terze dosi in poche ore

Condividi l'articolo su:

ARTICOLO PUBBLICATO IL 8 Dicembre 2021

PALERMO (ITALPRESS) – Oltre 400 vaccini in poche ore. E’ il bilancio della prima giornata di somministrazioni di vaccino anti-Covid all’Università degli studi di Palermo.
L’iniziativa, a quattro mani tra l’Ateneo e la struttura commissariale locale per la gestione della pandemia, ha visto un via vai di docenti, ricercatori, personale tecnico, amministrativo e bibliotecario dell’università per la terza dose di vaccino nelle aule dell’edificio 19 di viale delle Scienze, nel giorno dell’Immacolata. Il tutto eccezionalmente al ritmo di musica natalizia, per calarsi ancora di più nel clima di festa.
Un modo per potenziare la campagna vaccinale ma anche per consentire la ripresa delle lezioni in presenza in tutta sicurezza.
“E’ una straordinaria opportunità di collaborazione tra istituzioni – l’ha definita il rettore Massimo Midiri – Grazie all’aiuto dell’amico e collega, il commissario all’emergenza Covid di Palermo, Renato Costa, abbiamo realizzato questo evento di alto valore simbolico. Un’occasione importante, resa possibile anche dal lavoro del personale amministrativo di Unipa, che ci permetterà di usufruire della vaccinazione in modo dedicato e di tornare in tempi brevi a usare i luoghi dell’università in tutta sicurezza”.
Medici, infermieri e personale amministrativo della struttura commissariale per l’emergenza Covid di Palermo torneranno a vaccinare il personale dell’ateneo l’11 e il 12 dicembre. Ieri, intanto, si è conclusa un’altra attività di vaccinazione di prossimità in uffici pubblici, quelli del tribunale di Palermo, in collaborazione con la Corte d’Appello: circa 1200 i vaccinati, tutti operatori della giustizia, tra magistrati, avvocati e dipendenti.
“Sono particolarmente contento di trovarmi in questo luogo, che è anche il mio posto di lavoro – dichiara il commissario Covid di Palermo, Renato Costa -. Ringrazio il rettore Midiri per la disponibilità nel concederci questi spazi, che ammantano l’iniziativa di un alto valore simbolico, per il legame tra il vaccino e la conoscenza. La vaccinazione di prossimità per noi ha un’importanza particolare; consente di beneficiare delle migliori condizioni a livello di comodità e fruibilità. Oggi è un giorno di festa, ma in altre giornate questa formula ci ha permesso di non interrompere l’attività lavorativa delle persone che andavamo a vaccinare. Ci avvaliamo di questa strategia ormai da parecchi mesi e ci auguriamo di continuare a farlo fino a raggiungere una quota di immunizzazione sufficiente a liberarci da questo incubo”.
(ITALPRESS).


Condividi l'articolo su:

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.