VIDEO | Roghi nel Palermitano, elicottero Aeronautica in volo 9 ore per contenere le fiamme

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


PALERMO – Un vasto incendio partito dal territorio di Chiusa Sclafani, nel Palermitano, ha raggiunto nella serata di ieri, a causa del vento, il Comune di Giuliana, interessando la zona del cimitero e lambendo il centro abitato. Alle 21 di ieri la prefettura di Palermo ha aperto il Centro di coordinamento dei soccorsi. La Protezione civile della Citta’ Metropolitana di Palermo, tramite l’Ufficio di coordinamento, ha partecipato alle attivita’ di spegnimento del fuoco attivando il proprio Piano operativo di supporto antincendio 2020 e inviando sul posto una autobotte a sostegno dei mezzi gia’ impiegati.
La Protezione civile metropolitana ha collaborato con i vigili del fuoco e il Corpo forestale per ridurre i tempi di approvvigionamento di acqua sul fronte fuoco. L’impiego di uomini e mezzi a terra si e’ concluso all’alba di questa mattina, quando sono potuti intervenire i Canadair necessari per raggiungere il territorio ancora coinvolto dall’incendio. “Questa e’ una ulteriore conferma dell’impegno della Protezione civile della Citta’ metropolitana che, con il coordinamento della prefettura, in collaborazione con l’impegno dei vigili del fuoco e delle altre istituzioni, contribuisce a garantire un servizio prezioso e tempestivo all’intero territorio”, ha affermato il sindaco metropolitano Leoluca Orlando.

NOVE ORE VOLO PER ELICOTTERO AERONATICA MILITARE NEL PALERMITANO 


Elicottero dell’Aeronautica militare in azione per bloccare l’estensione di un incendio boschivo nella zona di Chiusa Sclafani, in provincia di Palermo. Quattro i voli effettuati, per un totale di nove ore, con 44 lanci e 40mila litri d’acqua sganciati. Il primo decollo e’ avvenuto alle 9:30 di ieri: dopo quattro sortite e tre rifornimenti di carburante, di cui uno effettuato presso l’aeroporto palermitano di Boccadifalco, l’equipaggio appartenente all’82esimo Centro Csar (Combat search and recue) di Trapani e’ rientrato alla base aerea di Birgi alle 20:30. L’ordine di decollo era giunto dal Coa (Comando operazioni aeree) di Poggio Renatico, in coordinamento con la Sala operativa unificata permanente (Soup) della Regione Sicilia. In volo un HH-139A, che fa parte degli assetti delle forze armate che il ministero della Difesa ha messo a disposizione per la campagna antincendi boschivi di quest’anno in Sicilia, iniziata lo scorso 15 giugno.
L’82esimo Centro e’ uno dei reparti del 15esimo Stormo dell’Aeronautica militare che garantisce 24 ore su 24, e 365 giorni l’anno, senza soluzione di continuita’, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficolta’, concorrendo, inoltre, ad attivita’ di pubblica utilita’ quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]

Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: