Violenza sulle donne, assessore regionale Scavone: “Nuovi finanziamenti per 31 case di accoglienza”. Una a Piazza Armerina

Condividi l'articolo su:

ARTICOLO PUBBLICATO IL 24 Novembre 2021

Quasi 900 mila euro alle case di accoglienza a indirizzo segreto in Sicilia. In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, che si celebra il 25 novembre, il governo Musumeci manifesta il proprio impegno concreto per potenziare gli strumenti in difesa delle donne vittime di abusi e per promuovere il loro reinserimento sociale e forme di indipendenza economica.

È stato pubblicato sul sito internet del dipartimento della Famiglia e delle Politiche sociali il decreto che ripartisce oltre 892 mila euro del bilancio regionale destinati alla gestione e all’implementazione di nuovi servizi delle case di accoglienza a indirizzo segreto e strutture di ospitalità in emergenza. Saranno 31 gli enti che beneficeranno di questi contributi tra cui la Cooperativa Sociale DonneInsieme di Piazza Armerina, che riceverà 8.264,80 euro.

Il governo Musumeci – sottolinea l’assessore regionale alla Famiglia e alle Politiche sociali, Antonio Scavone – sta portando avanti numerose misure a sostegno delle donne vittime di abusi, con interventi concreti per il loro ricovero immediato in casi di particolare emergenza. Oggi abbiamo in Sicilia 21 centri antiviolenza, 37 strutture a indirizzo segreto e 31 sportelli di ascolto. L’istituzione della cabina di regia, prevista dalla legge regionale per il contrasto e la prevenzione della violenza di genere, è già alla firma del presidente della Regione. Questa importante struttura interistituzionale sarà presieduta dall’assessore regionale per la Famiglia e le Politiche sociali, mentre i componenti saranno gli assessori regionali all’Istruzione e alla Salute, i presidenti dell’Anci regionale e dell’Asael, la consigliera regionale di parità e la rappresentante del Forum regionale permanente contro le violenze di genere”.

 


Condividi l'articolo su:

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.