Virus Cina, Xi Jinping: “Situazione grave”

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Virus Cina, Xi Jinping: Situazione grave


Il presidente cinese Xi Jinping ha parlato di “situazione grave” di fronte al diffondersi del nuovo coronavirus nel suo Paese. Le sue parole, ha riferito la televisione di Stato, sono state pronunciate durante una speciale riunione del Comitato permanente del Politburo. Xi ha avvertito che la diffusione del virus “sta accelerando”. Risorse e medici verranno inviate negli ospedali in prima linea, così come verranno garantiti rifornimenti per la provincia di Hubei, da dove è partito il contagio.


A quanto riferisce l’agenzia stampa di stato Xinhua, durante la riunione è stato deciso di istituire un gruppo in seno al Comitato centrale del partito comunista per sovrintendere gli interventi contro l’epidemia. Squadre verranno mandate nella provincia di Hubei, per controllare gli interventi sul terreno. Le istituzioni del governo e del partito, a ogni livello, dovranno porre la prevenzione e il controllo dell’epidemia in cima alle loro priorità, con misure rigorose per mettere in quarantena gli ammalati.



Il comitato permanente del Politburo ha esortato ad un coordinamento fra risorse civili e militari, aggiungendo che il lavoro di prevenzione e controllo deve essere condotto nel “rispetto della legge e in maniera ordinata e scientifica”. E’ stata inoltre sottolineata la necessità di “una diffusione di informazioni tempestiva, accurata e trasparente per rispondere alle preoccupazioni in patria e all’estero”.


Continua ad aumentare il numero delle persone che in Cina sono state contagiate. Gli ultimi dati ufficiali riportati dal Global Times parlano infatti di almeno 1.355 casi confermati nel gigante asiatico. Le vittime sono 41.


Intanto il gruppo automobilistico francese Psa ha annunciato l’avvio di un’operazione per evacuare i suoi dipendenti stranieri e le loro famiglie da Wuhan, la città cinese epicentro dell’epidemia del nuovo coronavirus. Il gruppo, che produce auto per i marchi Peugeot e Opel, ha spiegato di agire in coordinamento con le autorità francesi e cinesi. L’operazione coinvolgerà circa 38 cittadini francesi. Intanto il ministero degli Esteri di Parigi ha fatto sapere che sta valutando la possibilità di evacuare altri francesi da Wuhan, che è stata isolata dopo lo scoppio dell’epidemia. Molti francesi vivono in quest’area, dove Psa e Renault-Nissan hanno degli accordi di joint venture con la casa automobilistica cinese Dongfeng.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



[themoneytizer id="16037-28"] [themoneytizer id="16037-16"]


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: