Zona Artigiana di Enna: positivo l’incontro CNA Enna con gli assessori Ferrari e Scillia

Condividi l'articolo su:

Si è tenuto nella tarda mattinata del 16 gennaio, direttamente nella zona artigiana di Contrada Gentilomo, un incontro tra i vertici della CNA e gli Assessori del Comune di Enna Dante Ferrari e Biagio Scillia.. Erano presenti per la CNA Filippo Scivoli presidente provinciale ed i dirigenti CNA Tonino Palma, Valentino Savoca e Francesco Tamburella

E’ stato effettuato un primo sopralluogo nella contrada limitrofa Santa Panansia dove insistono delle attività artigianali penalizzate fortemente dallo stato delle strade, fatto segnalato dalla CNA agli organismi demandati; subito gli assessori si sono resi disponibili intanto ad un primo intervento di copertura delle vistose buche della contrada Santa Panasia, per consentire agli imprenditori di espletare la loro attività economica e di poter ricevere i loro clienti in sicurezza.

In seguito si sono spostati nella contrada Gentilomo, Ferrari e Scillia hanno comunicato che è già stata affidata la gara i lavori da effettuare nella zona artigiana, i lavori avranno inizio ad aprile.

Dai presenti è stata anche denunciata agli assessori una discarica abusiva di materiale inerte proveniente da demolizione che dalla sera alla mattina di sabato è stata trovata davanti gli opifici Tecnosys e Tecninfissi, gli assessori hanno comunicato che contrada Gentilomo è un’area video sorvegliata e che avrebbero dato mandato ai vigili urbani di verificare le registrazioni per identificare i trasgressori.

Soddisfatti i vertici della CNA per la disponibilità dimostrata dall’amministrazione comunale rappresentata dagli assessori Ferrari e Scillia.

È un fatto estremamente positivo, – ha commentato Filippo Scivoli presidente provinciale CNA Enna, –  quando la risposta alle problematiche è solerte e si dimostra la buona  volontà per risolvere le questioni che sono di vitale importanza per le imprese e gli imprenditori che noi ci pregiamo di rappresentare”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *