Calcio Promozione. Il Nicosia in casa travolge il Real Suttano e si avvicina alla testa della classifica – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Nella ventiduesima giornata del campionato di promozione si ritrovano davanti il Nicosia ed il Real Suttano, due formazioni rivali nello scorso campionato di Prima categoria e protagoniste della finale play-off.

Mister Picone schiera il Nicosia con: Failla, Siragusa, Gazzana, Di Leo, Robles, Minolfi, Castelli, Nunez, Zolezzi, Alcazar, Checa.

Mister Di Matteo schiera il Real Suttano con: Girgenti, Testaquatra, Maggio, Mandala, Allegra, Sabatino, Imbraguglio, Napolitano, Favata, Pilo, Messina.

Il Nicosia passa in vantaggio al 13’ grazie ad un calcio di rigore. Checa si invola sulla sinistra entra in area e viene atterrato in area, l’arbitro concede il penalty messo a segno da Castelli. Per l’ex Real Aci si tratta della terza segnatura con la maglia del Nicosia. Al 19’ Alcazar sulla destra crossa in area Castelli colpisce di testa ma il pallone termina alto sopra la traversa. Il Nicosia raddoppia al 22’ con Gazzana, il capitano con un pallonetto dal limite dell’area avversaria scavalca il portiere Girgenti. Il Nicosia segna la terza rete ancora su rigore al 26’. Minolfi viene atterrato in area, si incarica del tiro dal dischetto Nunez che non sbaglia e segna la sua prima rete stagionale. Quarta rete del Nicosia al 39’ con Checa, che sfrutta un contropiede ed un pasticcio in difesa del Real Suttano.

Nella seconda frazione di gioco il Nicosia controlla il match. Da segnalare al 66’ la traversa colpita dal neo entrato Scaffidi.

Partita senza storia, dominata dal Nicosia. Quattordicesima vittoria in campionato per la squadra di mister Picone, che permette ai biancorossi di salire a quota 48 a soli due punti dalla vetta della classifica occupata dall’Aci Sant’Antonio e dal Real Aci. Nel prossimo turno il Nicosia affronterà fuori casa il Kaggi, che in classifica è terz’ultima con 19 punti, nel girone d’andata la squadra della provincia di Messina venne battuta in casa per 3-0 dal Nicosia.



Condividi l'articolo su: