Che cosa cambia tra proteine concentrate e proteine isolate

20549 Proteine whey
Condividi l'articolo su:

Nel novero delle proteine utilizzate come integratori per lo sport dagli atleti ci sono sia le proteine whey isolate che le proteine whey concentrate. Ognuna delle due tipologie è contraddistinta da particolari benefici: la scelta dell’una o dell’altra, pertanto, deve essere effettuata in funzione degli obiettivi fisici che ci si propone di raggiungere. Tanto le proteine whey isolate quanto le proteine whey concentrate derivano dal latte: esse sono sottoposte a un processo di filtrazione, che è più intenso nel caso delle proteine isolate. Di conseguenza, proprio le proteine isolate sono caratterizzate da un apporto di calorie più basso, e lo stesso dicasi per i grassi e i carboidrati, anche se conservano un contenuto proteico elevato.

Proteine whey isolate e concentrate: quale scegliere?

Chi acquista proteine isolate su bestbody ha la certezza di poter usufruire di un contenuto di lattosio più ridotto. Esse, di conseguenza, sono le proteine da privilegiare nel caso in cui si sia intenzionati a ridurre l’assunzione di prodotti caseari. D’altro canto, ciò non vuol dire che il concentrato sia comunque da escludere: anzi, esso è comunque povero di calorie, di carboidrati e di grassi. In genere il suo prezzo è più basso, a fronte di un contenuto apprezzabile di proteine pure.

Le caratteristiche delle proteine whey isolate

Il settore della nutrizione sportiva a volte tende a sottovalutare i pregi delle proteine whey isolate, ma si tratta di un grande errore. Anche perché, come si è accennato, il contenuto di proteine delle proteine del siero del latte isolate è più elevato rispetto a quello delle proteine concentrate: circa il 90% nel primo caso e circa l’80% nel secondo. Infatti, il processo di microfiltrazione a cui sono sottoposte le proteine del siero del latte isolate, che prende il nome di cross flow, serve a separare la proteina rispetto al lattosio, al colesterolo e ai grassi: quella che ne deriva, dunque, è una proteina altamente pura.

I pregi delle proteine isolate del latte

Nella maggior parte dei casi le proteine whey isolate hanno un contenuto inferiore di calorie, di carboidrati, di lattosio, di colesterolo e di grassi in confronto a quasi tutte le proteine che si trovano sul mercato. Esse rappresentano una soluzione diffusa tra chi desidera rimanere su un livello di grasso corporeo ridotto. Il contenuto di lattosio delle proteine del siero del latte è ridotto, eppure quelle isolate ne hanno ancora meno, in virtù di un processo di fabbricazione ancora più avanzato. Ecco spiegato il motivo per il quale in molti casi le whey isolate sono consigliate agli sportivi che hanno problemi di intolleranza al lattosio.

Un prodotto magro

Dal punto di vista nutrizionale, le proteine whey isolate sono un prodotto magro, proprio come quelle concentrate. Può essere che sul mercato si trovino proteine whey isolate con percentuali di proteine differenti, ma è preferibile optare per quelle con un contenuto proteico pari al 90%. Vuol dire che queste proteine sono state sottoposte a un minuzioso processo di filtraggio, in virtù del quale l’organismo umano è in grado di digerirle senza difficoltà e di assorbirle in maniera facile.

Le proteine whey concentrate

Le proteine del siero del latte concentrate rappresentano forse il più diffuso integratore nel settore della nutrizione sportiva, in quanto vengono considerate la soluzione più conveniente dal punto di vista economico e al tempo stesso più efficace per l’assunzione di proteine preziose per la costruzione di muscoli. Per avere delle proteine ultra pure è consigliabile scegliere proteine whey concentrate sottoposte a microfiltraggio e non trattate a livello termico. Così le proteine restano intatte e possono essere mescolate facilmente. Hanno una consistenza cremosa, e sono perfette per un frullato di proteine ideale. Grazie alla presenza di glutammina, queste proteine sono perfette per il recupero muscolare e per lo sviluppo delle dimensioni.

I vantaggi offerti dalla microfiltrazione

Ma perché le proteine del siero del latte concentrate non vengono riscaldate ma microfiltrate? Semplice: grazie alla microfiltrazione, il profilo amminoacidico viene mantenuto il più possibile forte e puro. Le proteine, dunque, riescono a conservare la propria consistenza cremosa e setosa se vengono mescolate con il latte o con l’acqua: è una caratteristica peculiare unicamente dei frullati proteici di qualità più elevata.



Condividi l'articolo su: