Cultura della legalità. I carabinieri di Enna incontrano oltre 800 studenti di varie scuole medie e superiori

Carabinieri studenti Enna 1
Condividi l'articolo su:

Carabinieri studenti Enna 2Concluso un primo ciclo di incontri tra i carabinieri della Compagnia di Enna e gli studenti di vari istituti scolastici del capoluogo e dei comuni dell’hinterland. Ufficiali e marescialli dell’Arma locale, grazie alla consolidata collaborazione con i dirigenti scolastici, hanno incontrato gli studenti di ben undici plessi degli istituti comprensivi “Neglia – Savarese”, “E. De Amicis” e “Santa Chiara”, nonché di quelli di istruzione superiore “A. Lincoln”, “Federico II”, “P. Farinato” di Enna e quelli dell’istituto superiore “F. Fedele” di Agira.

Durante gli incontri, i militari hanno trattato tematiche di grande attualità tra i giovani, quali l’uso consapevole di internet e dei social network, il bullismo e la sua evoluzione tecnologica in cyberbullismo, l’integrazione sociale e la diversità. Scopo degli incontri quello di contribuire a sviluppare nei giovani studenti una coscienza sociale partecipativa basata sul rispetto dell’individuo, dell’ambiente e delle leggi in generale ed ampliare il panorama di conoscenze sugli argomenti trattati, fornendo spunti di riflessione sulle specifiche tematiche. Tema di grande interesse, con un “question time” molto partecipato dagli stessi giovani, è stato quello della sicurezza in rete”: focalizzato sui rischi connessi all’accesso alla rete e della dipendenza dai social network. Sono stati forniti agli studenti consigli pratici su quali condotte adottare per una sicura navigazione in rete e per difendersi da possibili intromissioni indesiderate. Altro tema trattato quello delle problematiche correlate alla dipendenza da alcool e stupefacenti ed i danni irreversibili causati all’organismo.

Nel corso degli incontri non sono mancati cenni sulla Benemerita, sul suo ordinamento e sul variegato impiego per assolvere ai molteplici compiti istituzionali, puntualizzando come l’Arma è vicina al cittadino per salvaguardarne libertà e sicurezza.



Condividi l'articolo su: