Gangi, approvato documento unico di programmazione previsti investimenti per 385 mila euro

Condividi l'articolo su:

Il consiglio comunale di Gangi, lo scorso 22 dicembre, su proposta dell’amministrazione comunale ha approvato il documento unico di programmazione 2024-2026 e gli atti propedeutici all’approvazione del bilancio. Previsti investimenti per 385 mila euro. Nello specifico gli interventi riguarderanno: la riqualificazione urbana di via Carlo Alberto Dalla Chiesa e via Ierone per 90 mila euro, la realizzazione della strada tra via Lazio e la scuola media per 70 mila euro, la manutenzione straordinaria degli impianti sportivi per 15 mila euro, la riqualificazione dell’area tra il cimitero comunale e la strada a monte per 20 mila euro e ancora la manutenzione straordinaria strade interne ed esterne per 119 mila euro. Previsti anche diversi interventi di riqualificazione urbana per 70 mila euro, ad esempio della scala di via Lombardia e di quella che conduce alla sala Polifunzionale e ancora della riqualificazione della villetta dietro caserma Carabinieri.

Il documento unico di programmazione (DUP) 2024-2026 è stato illustrato in aula, ai consiglieri comunali, dall’assessore al bilancio Nicola Blando: “Nel DUP abbiamo previsto una programmazione in tutti i settori e abbiamo garantito tutti i servizi essenziali ponendo particolare attenzione verso i servizi sociali rivolti alle fasce più deboli”.

Negli ultimi sei mesi – ha dichiarato il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello – l’amministrazione comunale ha programmato la realizzazione, con fondi comunali, di opere per circa 1 milione e 600 mila euro e nell’ultima seduta di consiglio comunale è stato approvato lo schema di statuto-regolamento e atto costitutivo per la costituzione della comunità energetica rinnovabile per la promozione della sostenibilità energetico ambientale nel comune di Gangi, ma principalmente è stato approvato anche il piano cimiteriale che ci consentirà di indire la gara, entro il 31 dicembre prossimo, per l’appalto e la costruzione dei nuovi cellulari comunali”.



Condividi l'articolo su: