Gli studenti nicosiani portano in scena la rievocazione storica di Nicosia del 1900 alla quinta rassegna Gallo-Italico – VIDEO

Rassegna Gallo Italico 2024 1
Condividi l'articolo su:

La quinta edizione della Rassegna Gallo-Italico, un evento annuale organizzato dall’Ecomuseo Petra d’Asgotto di Nicosia con il sostegno dell’amministrazione comunale, ha avuto luogo il 23 aprile. Questo evento mira a valorizzare e preservare la lingua gallo-italica, con un focus particolare sull’educazione nelle scuole.

Il cine-teatro Cannata di Nicosia è stato gremito di studenti delle scuole elementari e medie, accompagnati da insegnanti e dirigenti scolastici. Il dott. Giovanni D’Urso, esponente di spicco dell’Ecomuseo Petra D’Asgotto e appassionato di storia locale, ha introdotto i contenuti della rassegna 2024.

I dialoghi storici sono stati riscoperti, resi noti e pubblicati grazie all’instancabile lavoro di Pasquale Calandra, presidente del Centro studi Uil-Fpl Lavoro e Cultura “La trincea dei diritti”. Da anni, Calandra si dedica alla riscoperta di personaggi e documenti storici nicosiani.

I dialoghi di Tore Fastuca, scritti in gallo-italico, offrono una descrizione vivida della vita a Nicosia all’inizio del secolo, vista attraverso gli occhi di un visitatore statunitense, critico verso gli usi e costumi dell’epoca.

Rassegna Gallo Italico 2024 2

Le diverse scene sono state brillantemente presentate in lingua gallo-italica da quattro studenti della scuola secondaria di primo grado delle classi I E e III C.

La classe IV C dell’I.C. Carmine di Nicosia ha magistralmente rappresentato la scena dell’arrivo dell’ospite americano Wills a Nicosia. La classe V C dell’I.C. Carmine di Nicosia ha portato in scena l’incontro di Fastuca e di Wills con l’allora sindaco Gurgone e un pranzo al ristorante.

La classe V B dell’I.C. Carmine di Nicosia ha illustrato la visita dell’ospite americano al quartiere di Santa Maria Maggiore. La classe IV A dell’I.C. Carmine di Nicosia ha rappresentato la visita di Fastuca e Wills nell’attuale piazza Garibaldi, ospiti del Caffè Roma, che allora sorgeva accanto alla cattedrale di San Nicolò.

Le classi III C, IV A e V C dell’I.C. Carmine di Nicosia hanno rappresentato la visita di Fastuca e Wills al quartiere di San Michele con l’incontro dell’allora parroco che svolgeva anche la funzione di bibliotecario comunale.

La V A del plesso San Domenico del secondo circolo San Felice ha rappresentato la visita di Tore Fastuca e Wills alla Società Democratica di Santa Maria Maggiore ed il confronto con due paesani sull’allora morente carnevale nicosiano.

Infine, tutti gli studenti sul palco hanno ballato al ritmo di musica siciliana e hanno ricevuto attestati di partecipazione dai membri dell’Ecomuseo. Questa rassegna ha offerto un’opportunità unica per celebrare e preservare la ricca storia e cultura di Nicosia.



Condividi l'articolo su: