I canali per l’aria condizionata: produzione e ambiti di applicazione

Condividi l'articolo su:

Sono davvero tanti gli ambiti in cui possono essere utilizzati i canali per l’aria condizionata: non è difficile intuirne il motivo, dal momento che gli impianti di condizionamento si ritrovano in numerosi ambienti. Non solo le case private e i capannoni industriali, insomma, ma anche i locali commerciali, i laboratori chimici, e così via. Si tratta di canali che possono essere realizzati in abbinamento con acciaio inox, con lamiera zincata spiroidale o con pannelli pre-isolati, nella maggior parte dei casi in tessuto: la scelta dell’una o dell’altra soluzione dipende, ovviamente, dalle necessità che ci si propone di soddisfare, senza trascurare le norme UNI vigenti.

Prihoda e i condotti per aria condizionata

Un marchio di riferimento nel campo dei condotti per aria condizionata è Prihoda, brand originario della Repubblica Ceca ma con una filiale anche in Italia, a Padova. L’azienda può contare, tra l’altro, su una camera per le prove nella quale vengono effettuate con la massima precisione tutte le misurazioni per le differenti varianti di distribuzione dell’aria. Prihoda vanta un magazzino di tessuti molto ampio, con un quantitativo adeguato di tutte le tipologie di materiale necessario per le diverse lavorazioni: è anche per questa ragione che è in grado di provvedere alle consegne con la massima tempestività, rispettando i tempi previsti e assicurando la migliore fluidità possibile per l’andamento delle commesse.

I collaudi

I condotti per aria condizionata sono oggetto di collaudi molto accurati e vengono sottoposti a test effettuati da ingegneri che operano in una sala test all’avanguardia. La loro progettazione e la loro realizzazione avvengono su misura, sempre tenendo conto delle aspettative e delle necessità dei committenti. I materiali usati sono di alta qualità, ed è questo il motivo per il quale per ogni soluzione proposta viene assicurata la massima longevità nel tempo. I canali per l’aria condizionata sono studiati e sviluppati per resistere sia all’invecchiamento che all’usura, in modo da garantire performance ottimali anche dopo molti anni.

Le fibre continue

Una peculiarità da non sottovalutare, in relazione alla produzione di questi canali, è costituita dall’impiego di fibre continue: si tratta di un accorgimento non casuale, nel senso che il suo scopo è quello di prevenire e contrastare la diffusione di fibre volatili. In virtù di tale soluzione, poi, con il passare del tempo il tessuto non rischia di essere alterato o di subire delle modifiche, perfino nel caso in cui entri in contatto con acqua. Questa è una differenza molto significativa rispetto a ciò che avviene, per esempio, con i tessuti che sono realizzati in fibre naturali. I canali in tessuto, pertanto, si dimostrano molto pratici: quelli concepiti per gli impianti di condizionamento vengono realizzati e prodotti in modo da scongiurare il depositarsi delle impurità dell’aria. Questa si diffonde attraverso i fori ma dentro i diffusori tessili non si sporcano. Come si può intuire, allora, la manutenzione dei canali richiede poco tempo e poca fatica: si deve provvedere solo alla pulizia esterna, da attuare sotto forma di aspirazione.

 


Condividi l'articolo su: