Interrogazione sulla qualità e sostenibilità del servizio di refezione scolastica presentata dal gruppo di minoranza “Leonforte ai Leonfortesi”

Condividi l'articolo su:

Il 12 settembre scorso, proprio alla vigilia dell’apertura delle scuole, il gruppo consiliare di minoranza “Leonforte ai Leonfortesi” ha presentato un’interrogazione all’amministrazione comunale. Composto dai consiglieri comunali Angelo Calì, Luca Di Leonforte, Maria Grazia Li Volsi, Davide Mangione e Gaetano Monsù, il gruppo ha posto l’attenzione e interrogativi sul servizio di refezione scolastica a Leonforte.

In un’ottica di miglioramento continuo, i cinque consiglieri hanno avanzato una serie di domande all’amministrazione comunale, mirate a elevare gli standard di qualità finora raggiunti nel servizio di refezione scolastica. In particolare, hanno chiesto come l’amministrazione intenda migliorare la qualità del servizio, come verrà valutata l’affidabilità delle ditte partecipanti alla gara per l’appalto del servizio, e come verrà assegnato il punteggio qualitativo. Un punto di notevole rilevanza sollevato nell’interrogazione riguarda l’eliminazione dalla clausola sociale nel bando. Secondo i consiglieri, questa clausola, oltre a rispondere a precise disposizioni normative, è fondamentale per mantenere e garantire i livelli occupazionali del personale coinvolto nel servizio di refezione scolastica.

Un altro aspetto di interesse è la proposta di avere un centro cottura terzo nelle vicinanze in caso di malfunzionamento del centro comunale, garantendo così la continuità del servizio. Tale idea è stata suggerita anche in molti bandi pubblicati da altre amministrazioni.

In conclusione, il gruppo consiliare “Leonforte ai Leonfortesi” solleva importanti interrogativi e proposte volte a migliorare la qualità e la sostenibilità del servizio di refezione scolastica a Leonforte. Le risposte e le azioni dell’amministrazione comunale su queste questioni avranno un impatto significativo sulla gara che verrà bandita per assegnare il servizio.

 



Condividi l'articolo su: