La provincia di Enna beneficia di finanziamenti per 170 milioni di euro dal Fondo Sviluppo e Coesione

Firma accordo FSC Sicilia
Condividi l'articolo su:

ASCOLTA QUESTO ARTICOLO

L’accordo per l’assegnazione di 6,8 miliardi di euro del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) alla Sicilia, siglato a Palermo dalla premier Giorgia Meloni, dal ministro per gli Affari europei, il Sud, le politiche di Coesione e il PNRR, Raffaele Fitto, e dal presidente della Regione siciliana, Renato Schifani, ha individuato 33 progetti per la Provincia di Enna.

Il Fondo Sviluppo e Coesione, avviato nel 2021 con tre anni di ritardo, impiega risorse cruciali per il cofinanziamento europeo, assegnate a Regioni e Province autonome. Questo accordo, il diciottesimo dopo quelli firmati con altre regioni, destina una quota dei 32,4 miliardi dell’FSC 2021-2027 e diventerà operativo dopo la delibera del CIPESS (Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile).

Per la provincia di Enna sono stati stanziati oltre 170 milioni di euro. Nonostante l’auspicio che la statale Nord-Sud venisse inclusa nel piano di sviluppo infrastrutturale legato al ponte sullo Stretto, questa non ha ricevuto i necessari fondi a causa della mancanza di interlocuzioni politiche efficaci tra i rappresentanti provinciali e il governo nazionale e regionale.

Tra le infrastrutture finanziate nella provincia di Enna, vi è la SP28, la panoramica di Enna crollata nel 2009. Gli interventi principali riguardano l’ambiente, con fondi destinati a bacini e alvei torrentizi. La diga Olivo riceverà 46 milioni per la manutenzione straordinaria e 21 milioni per la rifunzionalizzazione tecnologica della rete irrigua collegata.

Il Comune di Gagliano Castelferrato e la Soprintendenza ai Beni culturali hanno ottenuto quasi 8 milioni per il recupero della rocca e, insieme all’ex Provincia regionale, per il nuovo tratto della SP 22 Agira-Gagliano. I Comuni di Centuripe e Troina riceveranno 7 milioni per la realizzazione di un Parco urbano e la messa in sicurezza del quartiere Mulini a Vento. La Soprintendenza BBCC ha inoltre ottenuto oltre 6 milioni per il completamento del restauro della Villa romana del Casale. Il Comune di Nicosia ha ricevuto 5 milioni di euro per tre interventi.

Il Libero Consorzio ha ottenuto finanziamenti per cinque interventi, per un totale di oltre 26 milioni di euro. Il Comune di Cerami beneficerà di 5,6 milioni per la messa in sicurezza di Corso Roma.

Questi investimenti rappresentano un’importante opportunità per il rilancio economico e infrastrutturale della Provincia di Enna, contribuendo al miglioramento della qualità della vita e allo sviluppo sostenibile del territorio.


Visited 2 times, 2 visit(s) today

Condividi l'articolo su: