La scuola Neglia-Savarese di Enna ha aderito al “Let’s Clean Up Europe 2024”

scuola Neglia Savarese Enna Lets Clean Up Europe 2024
Condividi l'articolo su:

Si è svolto, presso l’Istituto Comprensivo “F.P. Neglia-N. Savarese” di Enna, l’evento “Let’s Clean Up Europe 2024”; tale iniziativa ha rappresentato la conclusione del progetto annuale sulla raccolta differenziata, dal titolo “Uso e riuso delle risorse del Pianeta, non abuso” e fortemente voluto dalla Dirigente Scolastica Marinella Adamo.

L’azione di pulizia “Let’s Clean Up Europe”, che si svolge nella stessa settimana in tutta l’Europa, è un’opportunità per sensibilizzare il maggior numero possibile di cittadini sui problemi correlati  all’abbandono dei rifiuti, fenomeno che interessa tutto il mondo, Europa e Italia incluse, e per contribuire a cambiare i comportamenti di ognuno di noi.

Le alunne e gli alunni delle classi terze della scuola primaria, aiutati dai loro insegnanti e forniti di guanti e sacchi, hanno pulito la zona circostante la scuola sperimentando in prima persona la responsabilità della cura e della tutela del loro ambiente;  operando sul campo, si sono resi conto di quanti rifiuti vengono abbandonati vicino a loro: carta, plastica, materiali ferrosi, lattine, cicche di sigarette, etc. “Spesso si sottovaluta l’inquinamento determinato da un rifiuto così minuto come una cicca! … In realtà per esempio, da attendibili stime di diversi studi scientifici, risulta che una parte significativa dei rifiuti che inquinano il Mar Mediterraneo è rappresentata proprio dai mozziconi di sigaretta” ha dichiarato la docente Rosa Termine.

La scuola è chiamata anche a rispondere alle richieste di cambiamento – alle sfide globali e locali – che la nostra società, in continua trasformazione, pone. Per affrontare adeguatamente queste nuove sfide occorre anche sollecitare lo sviluppo di competenze di cittadinanza attiva ed orientare i propri discenti all’acquisizione del senso di appartenenza al proprio territorio, oltre che alla propria comunità”, ha concluso la dirigente scolastica.



Condividi l'articolo su: