Lampadari moderni, come scegliere il migliore?

Condividi l'articolo su:

L’illuminazione di una stanza è molto importante, non solo per l’atmosfera ma anche per il design e il modo in cui il complemento si integra all’ambiente. I lampadari moderni sono molto richiesti, perché sanno armonizzarsi bene con tanti tipi di luoghi, vantano un design pulito e sono versatili, adattabili a diversi tipi di appartamenti, uffici o esercizi commerciali.

Grazie ai lampadari moderni, e alle loro soluzioni innovative di recupero dello spazio, il design contemporaneo e la capacità di essere camaleontici, a qualunque ambiente si può conferire un tocco di eleganza e personalità. I lampadari si differenziano per tipologie, forme, materiali e soluzioni d’arredo. Proviamo a vedere quali sono i lampadari in commercio e come scegliere il migliore per il proprio spazio.

Lampadari moderni: vantaggi

Perché scegliere i lampadari moderni? I plus di questi apparecchi per l’illuminazione sono numerosi:

  • si adattano a diversi tipi di ambiente, dai più classici ai moderni fino ai rustici;
  • riscaldano l’atmosfera;
  • rendono più elegante e chic la stanza;
  • spesso sono facili da installare;
  • possono essere progettati per raggiungere un risparmio energetico considerevole;
  • hanno un modo intelligente di collocarsi nello spazio.

Lampadari moderni: tipologie

La categoria dei lampadari moderni comprende tanti tipi di apparecchi, con colori, materiali e design diversi. Ecco come distinguerli, al fine di fare la scelta migliore per la propria casa o spazio commerciale.

Materiali

I lampadari moderni possono utilizzare diversi tipi di materiali, dai più classici ai più avanguardistici fino ai “mix” oppure risorse ecosostenibili che abbiano un impatto più basso possibile sull’ambiente e aiutino a consumare meno, incidendo favorevolmente sulla bolletta oltre che assecondando le politiche green. Tra i materiali più usati ci sono:

  • vetro;
  • cristallo;
  • metalli cromati e modellabili;
  • materiali plastici (ad esempio policarbonato o Opalflex);
  • materiali riciclabili.

Migliori materiali, consigliati dagli esperti, permetteranno al lampadario di prolungare il proprio ciclo di vita, di durare nel tempo e ammortizzare quindi l’acquisto.

Design e dimensioni

È importante anche scegliere un design di linee e forme che sia coerente con l’ambiente da arredare. Una stanza minimal avrà bisogno di un lampadario moderno stilizzato, con linee pulite e un impatto scandinavo, senza troppi orpelli. Un luogo molto colorato può ospitare anche un lampadario moderno di vetro variopinto, mentre un luogo shabby può diventare l’ambiente per un lampadario anche più particolare, con forme curve, arricciate, a goccia, e così via.

Nel discorso del design possono rientrare anche le dimensioni, che devono essere allo stesso modo coerenti con il resto del luogo. Ci sono luoghi con scarsa illuminazione, dove si possono installare più fonti luminose in varie parti o angoli, come ad esempio i faretti. E ambienti che invece si prestano a grandi lampadari singoli. È importante anche controllare le misure per non interferire con l’arredamento o banalmente sbattere la testa passando sotto.

Tipo di luce

È importante anche capire qual è la luce corretta per il proprio ambiente. Spesso si sente dire che i lampadari moderni siano più facilmente abbinabili alla luce fredda, ma anche la luce calda è particolarmente adatta ad alcuni ambienti, a seconda delle necessità e delle preferenze.

In ogni caso, analizzando questi parametri e rivolgendosi ai migliori esperti, anche per farsi un’idea sui prezzi dei lampadari moderni, è fondamentale selezionare il lampadario più giusto per la propria casa o le proprie esigenze che illumini, si integri all’arredamento e sia anche solido e durevole nel tempo.

 


Condividi l'articolo su: