Nicosia accoglie la staffetta di solidarietà “Run for Sla”

Condividi l'articolo su:

Nicosia è stata scelta come sede di arrivo e di partenza di una tappa della “Run For Sla 2023”, la corsa a staffetta di circa 1800 km che in 16 giorni attraverserà l’Italia da Agrigento a Venezia.

A Nicosia si concluderà la prima tappa che partirà da Agrigento nella mattinata di lunedì 28 agosto ed arriverà intorno alle 19.30 in piazza Garibaldi, dove verrà allestito uno stand come materiale divulgativo sulla Sla. Da piazza Garibaldi martedì 29 agosto alle 6.30 partirà la seconda tappa che si concluderà a Barcellona Pozzo di Gotto. I primi 60 km di questa seconda tappa saranno coperti dagli atleti della locale Talin Club, capitanati dal presidente Lino Buzzone.

E’ una bellissima iniziativa  –  commenta il presidente della Talin Club –  alla quale abbiamo aderito subito e senza riserve. I nostri atleti, nonostante la giornata lavorativa, hanno risposto senza indugio, così come abbiamo fatto anche negli anni scorsi per iniziative benefiche di questo genere. Invito – conclude – i nicosiani ad essere generosi con le offerte per questa patologia che, purtroppo, ha colpito anche alcuni nostri concittadini”.

La staffetta di solidarietà Run for Sla 2023 vuole far conoscere e diffondere la consapevolezza dei cittadini su questa patologia e spingere sempre più persone a sostenere coloro che ne vengono colpiti, i loro famigliari e la ricerca per nuove cure. Lungo tutto il percorso sarà seguita dai militari dell’Esercito e delle altre forze dell’ordine che hanno dato pieno appoggio all’iniziativa per il servizio d’ordine e la logistica.
Per questo la Run for Sla si pone due obiettivi fondamentali:

  • Sensibilizzare le persone riguardo alla SLA e all’importanza di rimanere uniti per affrontare insieme la lotta a questa grave malattia, attraverso una manifestazione senza precedenti che percorrerà tutto il territorio nazionale.
  • Coinvolgere tutta la cittadinanza mediante occasioni di raccolta fondi per dare un contributo concreto a sostegno della ricerca scientifica e ai servizi volti ad assicurare un fondamentale supporto ai “caregiver” che si prendono cura delle persone affette da SLA.

Le donazioni raccolte nel corso delle 16 tappe saranno devolute a favore del Centro Sla dell’Ospedale San  Raffaele di Milano.



Condividi l'articolo su: