Nicosia, il 28 settembre si è svolta la tavola rotonda “La passione di Cristo nei crocifissi di Frà Umile da Petralia” – VIDEO

Incontro crocifisso Fra Umile da Petralia 1
Condividi l'articolo su:

ASCOLTA QUESTO ARTICOLO

In una serata di profonda devozione e storia, a Nicosia si è celebrata la passione di Cristo attraverso i crocifissi iconici di Frà Umile da Petralia. Questo evento unico è stato il fulcro della rassegna “Scopri un Tesoro” ed è stato organizzato dall’Associazione Comitato per Santa Maria Maggiore e l’Unità Pastorale Santa Maria Maggiore San Michele Arcangelo di Nicosia.

La tavola rotonda, intitolata “La Passione di Cristo nei Crocifissi di Frà Umile da Petralia,” si è svolta nella suggestiva Chiesa di San Michele Arcangelo, situata nel quartiere omonimo di Nicosia. L’evento è stato reso ancora più speciale grazie alla moderazione della professoressa Mariaelena Costa, studiosa di storia.

Durante la serata, illustri ospiti hanno condiviso le loro conoscenze e passioni riguardo a questi straordinari crocifissi.

Filippo Giacobbe, membro dell’Associazione Comitato per Santa Maria Maggiore e mente dietro la rassegna “Scopri un Tesoro”, ha introdotto il pubblico all’evento e alla sua importanza.

Don Filadelfio Scandurra, il parroco della Basilica di Santa Maria Maggiore, ha portato la sua esperienza e devozione, avendo cura del celebre crocifisso Padre della Misericordia e della chiesa di San Michele Arcangelo.

Incontro crocifisso Fra Umile da Petralia 2

Giovanni D’Urso, appassionato di storia locale, ha raccontato la rivalità storica tra i “Nicoleti” della Cattedrale di San Nicola, custodi del crocifisso Padre della Provvidenza, e i “Mariani” della Basilica di Santa Maria Maggiore, protettori del crocifisso Padre della Misericordia. Questa rivalità, un tempo così intensa da sfociare in risse durante la processione del Venerdì Santo, ha portato al coinvolgimento del vescovo mons. Gaddi, che alla fine, negli anni 50 del 900, separò le due processioni.

Filippo Costa, anch’esso appassionato di storia locale, ha condiviso i suoi studi approfonditi sul crocifisso di Frate Umile da Petralia, custodito nella Chiesa di San Michele Arcangelo. Quest’opera del diciassettesimo secolo, restaurata nel 2002, presenta una caratteristica unica con mani, piedi e viso scuri a rappresentare la sofferenza e la morte di Cristo sulla croce.

Il professor Salvatore Brancati, autore del libro “I Crocifissi di Frate Umile e Frate Innocenzo da Petralia,” ha arricchito l’evento presentando diverse diapositive sui crocifissi francescani del XVII secolo in Sicilia. La sua revisione critica ha portato alla luce non solo le personalità più conosciute come Frate Umile da Petralia Soprana e Frate Innocenzo da Petralia Sottana, ma anche gli autori meno noti come Fra’ Benedetto da Petralia Sottana e Francesco Gallusca. Uno di questi pregevoli crocifissi, opera di Fra Umile, è appunto custodito nella Chiesa di San Michele Arcangelo.

L’evento ha offerto a Nicosia un’occasione unica per esplorare la passione, la storia e la devozione incise nei crocifissi di Frà Umile da Petralia, un patrimonio di inestimabile valore spirituale e culturale.


Visited 1 times, 1 visit(s) today

Condividi l'articolo su: