Randagismo, dalla Regione 320 mila euro a 16 comuni della provincia di Enna per prevenzione e ricovero nei canili

cani randagi in citta
Condividi l'articolo su:

ASCOLTA QUESTO ARTICOLO

Cinque milioni di euro ai Comuni siciliani, oltre 320 mila per la provincia di Enna, per coprire le spese sostenute nel corso del 2023 per la prevenzione e gli interventi contro il randagismo. Il decreto di assegnazione è stato emanato di concerto tra l’assessore regionale alle Autonomie locali e quello all’Economia.

L’intervento, introdotto dalla legge regionale 15 del 2022, è stato finanziato dall’attuale governo.

Le somme erogate sono state parametrate alla spesa effettuata nel 2022, rientrano nell’ambito della ripartizione del Fondo autonomie locali e sono state assegnate ai Comuni quale quota parte dei costi affrontati per l’ospitalità della popolazione canina nelle strutture di ricovero e custodia, sia pubbliche che private convenzionate, sulla base dei dati attestati.

In provincia di Enna arriveranno 328.493,21 euro ripartiti in 16 comuni: Agira 15.702,68 euro; Aidone 3.435,56 euro; Assoro 5.949,12 euro; Barrafranca 2.137,27 euro; Calascibetta 4.709,23 euro; Catenanuova 20.669 euro; Centuripe 11.488,49 euro; Enna 138.122,73 euro; Gagliano Castelferrato 1.853,82 euro; Leonforte 14.412,31 euro; Nicosia 20.640,13 euro; Piazza Armerina 21.640,69 euro; Pietraperzia 10.511,33 euro; Regalbuto 35.762,78 euro; Troina 3.001,58 euro; Valguarnera Caropepe 18.456,49 euro.


Visited 1 times, 1 visit(s) today

Condividi l'articolo su: