Revocata la carica di presidente del consiglio comunale di Nicosia, Maria Letizia D’Amico si dimette da consigliera – VIDEO

Condividi l'articolo su:

A un anno dalla sua elezione alla presidenza del consiglio comunale di Nicosia, Maria Letizia D’Amico è stata destituita dalla sua carica. Questo atto politico è avvenuto il pomeriggio del 29 febbraio, con una mozione approvata da 11 consiglieri.

Durante la sessione, la presidente D’Amico ha presentato una difesa scritta, sostenendo che la sua destituzione si basava su contestazioni generiche e rappresentava un atto politico. Ha difeso il suo ruolo e ha contestato tutti i punti della mozione di revoca presentata dagli undici consiglieri firmatari.

In difesa della presidente, i consiglieri Francesco La Giglia, Filippo Giacobbe e Carmela Castrogiovanni hanno espresso il loro apprezzamento per il ruolo svolto dalla presidente D’Amico nei mesi precedenti. Hanno inoltre accusato gli undici consiglieri firmatari della mozione di aver agito per motivi personali, non legati all’interesse della comunità.

Al momento del voto, cinque consiglieri, compresa la presidente, hanno lasciato l’aula. Gli undici consiglieri firmatari hanno quindi votato a favore della revoca della presidente. L’esito del voto è stato annunciato in aula dalla vicepresidente del consiglio, Maria Di Costa.

Dopo la ripresa dei lavori, l’ex presidente D’Amico ha annunciato le sue dimissioni da consigliera comunale. D’Amico, che aveva ottenuto 455 preferenze nelle ultime elezioni amministrative, era diventata consigliera comunale il 16 dicembre 2020, dopo le dimissioni di Nino Mancuso Fuoco, nominato assessore all’Agricoltura. Il 22 febbraio 2023 era stata eletta presidente del consiglio comunale.

Prima dell’elezione del nuovo presidente, sarà necessario sostituire la consigliera dimissionaria. La prima dei non eletti nella lista “Nostra Nicosia” è Flavia Russo, che ha ottenuto 268 preferenze. Se dovesse rinunciare, subentrerebbe Antonio Allegra Filosico, che ha ottenuto 144 preferenze.



Condividi l'articolo su: