SDA consegna 33.400 dosi di vaccino Moderna in Sicilia

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 30 Aprile 2021


PALERMO (ITALPRESS) – Proseguono le consegne dei vaccini anti-Covid in Sicilia da parte del corriere espresso SDA di Poste Italiane. L’ultima fornitura contenente 33.400 dosi Moderna sarà in consegna nelle prossime ore presso le farmacie ospedaliere di Giarre (7.000), Palermo (8.200), Milazzo (5.400), Enna (1.900), Erice Casa Santa (2.500), Siracusa (2.100), Ragusa (1.900), Agrigento (2.500), e Caltanissetta (1.900).
Intanto, Poste Italiane potenzia ulteriormente i canali per la prenotazione delle dosi vaccinali anti-Covid in Sicilia. Da questa settimana infatti il servizio di call center – attraverso il numero verde 800.00.99.66 – sarà esteso anche al fine settimana, con orari dal lunedì alla domenica dalle 8 alle 20. Sempre da oggi, inoltre, la richiesta di vaccinazione sarà possibile anche via SMS. I cittadini di tutte le regioni che hanno adottato la piattaforma realizzata da Poste Italiane – compresa dunque la Sicilia – potranno prenotare la loro dose semplicemente inviando un SMS con il codice fiscale al numero 339.9903947. Entro 48-72 ore verranno ricontattati dal servizio clienti di Poste Italiane per procedere telefonicamente alla scelta di luogo e data dell’appuntamento.
Il servizio è attivo 24 ore su 24 e non presenta costi aggiuntivi rispetto a quelli previsti per l’invio di un semplice SMS dall’operatore telefonico di appartenenza.
La prenotazione via SMS si aggiunge a tutte le possibilità che Poste Italiane mette già a disposizione per i cittadini, come la piattaforma online www.prenotazioni.vaccinicovid.gov.it, gli ATM Postamat, la rete dei portalettere e il numero verde operativo 7 giorni su 7.
(ITALPRESS).



Source link


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.