Una ragazzina di 12 anni ferita racconta la sua storia straziante al Progetto Voices of the Peaceful della Fondazione Rinat Akhmetov

Condividi l'articolo su:

Nella maggior parte delle storie per bambini, le matrigne malvagie alla fine vengono contrastate, i mostri non possono competere con la leale spada di un eroe, i draghi sputafuoco possono effettivamente essere i tuoi migliori amici e un lieto fine è generalmente assicurato per tutti (eccetto la malvagia matrigna). Ma la storia vera della dodicenne Kseniia Verbytska, un’impavida ragazza ucraina ferita dal fuoco dell’artiglieria russa mentre tentava coraggiosamente di raccogliere fondi per i militari della sua nazione, è tutt’altro che una favola. Verbytska ha aggiunto il suo racconto eroico agli oltre 90.000 ricordi di coloro che sono stati toccati in prima persona dalla guerra russo-ucraina che compongono il Progetto Voices of the Peaceful della Fondazione Rinat Akhmetov.

Per preservare la verità, l’industriale ucraino Rinat Akhmetov ha fondato il Museum of Civilian Voices e il suo portale di documentazione online, Voices of the Peaceful, per fornire ai sopravvissuti un forum inestimabile in cui condividere le loro esperienze personali di guerra. Finanziato dalle sue robuste risorse aziendali, tra cui Metinvest, la più grande azienda mineraria e manifatturiera dell’Ucraina, Akhmetov ha promesso più di 165 milioni di dollari in aiuti pratici, sul campo e umanitari ai suoi connazionali.

Molto prima dell’ultima incursione russa, Akhmetov si è reso conto che, proprio come l’importanza della conferma in prima persona di tempi, luoghi ed eventi di battaglia non può essere sottovalutata quando si tenta di preservare l’accuratezza storica, i pensieri e le riflessioni di coloro le cui vite sono state cambiate per sempre dalla guerra è ciò che dà a quelle esperienze un contesto riconoscibile. La storia di Kseniia Verbytska è solo un esempio.

Gli orrori della guerra: quando gli obiettivi civili diventano la linea del fronte

Il 19 agosto 2023, Verbytska e una sua amica sono state ferite da un Iskander-M, il missile balistico mobile a corto raggio preferito dall’esercito russo. Le ragazze avevano appena allestito alcuni stand di gioielli fatti in casa nella storica piazza centrale della città di Chernihiv. Non avevano idea dell’ imminente carneficina.

“Due giorni prima, io e la mia amica avevamo deciso di andare in piazza per vendere anelli e gioielli con perline, e poi mandare quei soldi alle forze armate ucraine”,ha detto la coraggiosa preadolescente a Voices of the Peaceful, parlando dal suo letto d’ospedale.

Le ragazze hanno trascorso i giorni successivi intrecciando gioielli e assemblando stand improvvisati da cui vendere i loro prodotti. Alle 10 del mattino Verbytska si è avventurata fuori. La sua amica l’ha raggiunta sul filobus e si sono dirette verso la piazza, trovando quello che sembrava essere un posto in prima fila di fronte al teatro tragico. “Siamo arrivate lì, abbiamo camminato fino a un grande marciapiede dove potevamo sederci e abbiamo messo un cartello [che] stavamo vendendo gioielli [per le truppe]… E poi è successo.

Verbytska ricorda che lei e la sua amica erano sedute l’una di fronte all’altra. C’è stato un breve allarme e 30 secondi dopo, è arrivato un missile. “All’inizio c’è stato un fischio e poi una grande esplosione… in qualche modo è stato solo… non so come spiegarlo”, ha condiviso. “Ci siamo tappate le orecchie e ci siamo sedute lì.”

All’inizio Verbytska non si era nemmeno accorta di essere ferita. “Il dolore non era molto forte ma poi è diventato più forte”, ha spiegato. “Abbiamo cominciato a urlare e a chiedere aiuto.”

L’amica di Verbytska ha riportato ferite da schegge alla gamba e non poteva camminare. Per fortuna è arrivato un passante e ha aiutato la ragazza ad alzarsi. Insieme, i tre hanno trovato assistenza medica.

Fino a quando la Russia non porrà fine alla guerra, non ci sarà un lieto fine in Ucraina

Nonostante un finale tutt’altro che da favola, Verbytska e la sua amica sono state fortunate. Altri non sono stati altrettanto fortunati. Come riportato dal Guardian, più tardi quel giorno, “Almeno sette persone sono state uccise e 144 ferite in un attacco missilistico russo che ha colpito un teatro e una piazza centrale nella città di Chernihiv, nel nord dell’Ucraina”. Tra i morti c’era una bambina di 6 anni e tra i feriti 15 erano bambini.

Per le ragazzine come Kseniia Verbytska cresciute in Ucraina, i pericoli dei mostri del mondo reale sono molto più spaventosi di qualsiasi insidioso cattivo trovato in Kiddie Lit. Il racconto ammonitore che ha condiviso con il progetto Voices of the Peaceful della Fondazione Rinat Akhmetov serve a ricordare duramente che in un mondo senza draghi amichevoli che li proteggono, i bambini sono spesso le vittime più tragiche della guerra.



Condividi l'articolo su: