Enna, consegnati i lavori di ristrutturazione e recupero del viale Nino Savarese

Condividi l'articolo su:

Sono stati consegnati la mattina del 20 settembre i lavori relativi al primo stralcio dei lavori di “Conservazione e valorizzazione del Castello di Lombardia, delle aree archeologiche adiacenti e dell’interno del complesso monumentale” riguardanti, in particolare il Viale Nino Savarese, per un importo complessivo pari a € 2.160.579,31 al netto del ribasso d’asta, aggiudicati alla Costruzioni Ambientali srl di Ciminna (Palermo).

Con questo primo stralcio – commenta il sindaco di Enna, Maurizio Dipietro – si avviano una serie di interventi che riguardano l’area del Castello di Lombardia e lo stesso maniero, come mai è avvenuto nei decenni scorsi. La memoria, infatti, deve tornare molto indietro nel tempo per trovare interventi di tale portata che riguardano un’area importantissima dal punto di vista storico, culturale e turistico della nostra città”.

Basti ricordare – aggiunge Dipietro – che solo con la mia amministrazione il Castello di Lombardia e l’intera area archeologica, sono stati messi al centro di un processo complessivo di valorizzazione dei beni monumentali, quale percorso fondamentale di crescita economica e culturale della nostra realtà territoriale”.

In particolare, i lavori di questo primo stralcio interesseranno l’area urbana del Monumento ai Caduti che sarà riqualificata attraverso la realizzazione di una pavimentazione in pietra tipo “perlato di Sicilia” estratta dalle cave di Custonaci e un ridisegno delle aree a verde che saranno configurate con una nuova chiave di lettura che consentirà, tramite grandi zone a prato e numerose sedute dotate di spalliera, di valorizzare questa porzione urbana che costituisce cerniera con la città e riveste l’importante funzione di accogliere il visitatore così come il cittadino ennese. L’accessibilità verrà rimodulata attraverso l’inserimento di ampi gradini e rampe per i diversamente abili.

Per quanto riguarda, poi, il viale Nino Savarese verrà interamente ripavimentato anch’esso con in pietra tipo “perlato di Sicilia” estratta delle cave di Custonaci, in maniera da creare una “promenade” che consentirà al visitatore di godere del paesaggio che circonda il Castello di Lombardia. Verrà svellito lo strato superficiale dell’attuale marciapiede per integrarlo alla nuova pavimentazione. L’intero Viale Nino Savarese, così pedonalizzato, sarà arredato con sedute, mentre il muretto di confine esistente verrà rivestito con la stessa pietra della pavimentazione e dotato di una nuova ringhiera in acciaio corten. Sarà, inoltre, realizzato un impianto di illuminazione a led costituito da proiettori in finitura corten su palo, in sostituzione dei pali esistenti ormai obsoleti. Tale impianto illuminerà l’intero prospetto esterno del Castello di Lombardia e le aree oggetto d’intervento.

Con questo primo intervento – spiega il primo cittadino ennese – puntiamo al recupero del sito storico mirando alla conservazione, alla valorizzazione e ad un riuso che possa garantirne appieno la funzionalità, senza snaturare il carattere dell’esistente e, nello stesso tempo, un miglior utilizzo ed una ottimale fruizione”.

A questo intervento – conclude Dipietro – seguirà poi quello destinato a migliorare e potenziare l’accoglienza turistica della stessa area con parcheggi e strutture appositamente pensate, la cui progettazione esecutiva è praticamente conclusa, con il parere positivo da parte della Soprintendenza, e siamo pronti ad individuare il relativo finanziamento”.



Condividi l'articolo su: