Herbal Neurocare, la start-up ideata dal neuropsichiatra Tullio Scrimali ha partecipato  alla settima edizione del “Premio Cambiamenti” di Cna

Condividi l'articolo su:

Herbal Neurocare, la start-up ideata dal neuropsichiatra Tullio Scrimali – già vincitrice del premio Efesto Cna 2022 – quest’anno presente alla settima edizione del “Premio Cambiamenti” di Cna, tenutosi a Caltanissetta il 30 novembre. Il a carattere nazionale scopre, premia e sostiene le migliori imprese italiane nate negli ultimi cinque anni. In gara 18 imprese, in rappresentanza delle 9 province dell’isola, due dalla provincia di Enna.

Herbal Neurocare è una start-up innovativa, impegnata nella ricerca scientifica avanzata, per lo sviluppo di nuovi ritrovati farmaceutici, cosmetici e nutraceutici, nonché di dispositivi medici di origine vegetale, in grado di migliorare la salute umana e degli animali. In particolare, la mission aziendale si focalizza, al momento, e da diversi anni, sulla risorsa vegetale cannabidiolo, in quanto ottenibile, nell’ennese, area di localizzazione dell’Azienda, dalla coltivazione locale di Cannabis Sativa L., industriale.

Partecipare ad un contest di questo tipo è molto utile, vuol dire mettersi in gioco e avere dei feedback: a che punto siamo, dove stiamo andando, i risultati conseguiti”, commenta Scrimali direttore scientifico e CEO di HN.

Se lo scorso anno era stato sviluppato un prodotto, quest’anno al premio di Cna sono state portate delle importanti novità da Herbal Neurocare: “Abbiamo depositato in Europa due prodotti, NegEnt gocce e NegEnt spray. Questo deposito ci pone al riparo della tempesta scatenata dal Decreto Schillaci, che ha dichiarato il cannabidiolo un farmaco stupefacente”.

La più grande novità della giovanissima start-up che ha sede a Enna è che: “dopo due anni di lavoro abbiamo ottenuto il brevetto come abbiamo annunciato durante il premio – dichiara il professore Scrimali – Quindi NegEnt, formula liposomiale da me sviluppata è un brevetto europeo e quindi la nostra azienda ha un nuovo asset rispetto allo scorso anno.”



Condividi l'articolo su: