Il 21 marzo si conoscerà il vincitore del concorso di progettazione “La via del grano” l’unico in Sicilia sulle green ways

la via del grano
Condividi l'articolo su:

C’è attesa per conoscere l’idea progettuale che si aggiudicherà il premio per il concorso di progettazione “La Via Del Grano”, realizzato dal Libero Consorzio Comunale di Enna con la collaborazione dell’Università Kore e dei tre Ordini professionali, degli Architetti, Ingegneri e Agronomi, nell’ambito dei fondi dell’Agenzia della coesione territoriale. Si tratta dell’unico progetto presentato in Sicilia sulle green ways che nasce da un lavoro di squadra, attorno ad un’idea romantica, che ha avuto l’obiettivo di pensare, di ragionare ad un percorso sostenibile capace di metter insieme gli elementi identitari del territorio per promuovere un turismo lento, sempre più richiesto, che vuole assaporare e contaminarsi della storia, dell’ambiente, del vissuto, dei sapori e delle vocazioni, per vivere intensamente i luoghi.

Esauriti i diversi step del cronoprogramma martedì 21 marzo alle ore 12 nella sala convegni della Provincia saranno pubblicamente descriptati i codici alfanumerici della graduatoria provvisoria, stilata dalla commissione, dei cinque concorrenti ammessi al secondo grado del concorso. Sarà proclamato il vincitore al quale sarà assegnato il primo premio pari a circa 54 mila euro. Ai rimanenti 4 classificati andranno, a ciascuno, 9 mila euro.

Il vincitore del concorso di progettazione procederà alla redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica e del progetto definitivo dell’opera. Il costo complessivo stimato per la realizzazione del progetto ammonta a circa 6 milioni di euro. Tra gli obiettivi del progetto è recuperare infrastrutture viarie dismesse e abbandonate promuovendo un nuovo tipo di mobilità dolce innovativa attraverso il ripristino di un tratto dell’antica Regia Trazzera Calascibetta-Barrafranca parzialmente scomparsa, un tratto della S.S. 117 bis, da numerosi anni chiusa al pubblico, un tratto della S.P. n. 88 e una parte della linea ferroviaria dismessa Leonforte-Caltagirone, connettendo la stazione di Floristella a quella di Piazza Armerina per un totale di circa 30 chilometri.



Condividi l'articolo su: