Italiano “Voglio gli occhi di Basilea, onoriamo la maglia”

Condividi l'articolo su:

ROMA (ITALPRESS) – “Grande orgoglio per essere stati ricevuti dal Presidente della Repubblica, è stata un’esperienza bellissima. Abbiamo anche un’altra finale, abbiamo fatto un percorso fantastico e giocheremo contro la finalista della Champions. Un ostacolo duro, ma ci arriviamo sereni, ci giocheremo le nostre chance e cercheremo di dargli filo da torcere”. Così Vincenzo Italiano, tecnico della Fiorentina, nella conferenza stampa che anticipa la finale di Coppa Italia Frecciarossa contro l’Inter. “Quest’anno avevamo due obiettivi: migliorare il cammino in Coppa Italia e onorare la Conference. Siamo riusciti in entrambe le cose, ma non ci dobbiamo accontentare, possiamo ottenere qualcosa di straordinario. Affronteremo una squadra che si può inventare la giocata in ogni momento, con un allenatore che sa vincere i trofei. Voglio vedere i miei ragazzi con gli occhi di Basilea, i tifosi ci chiedono di onorare la storia della Fiorentina e di sudare la maglia, richiesta che mi piacerebbe esaudire e di sicuro andremo in campo per fare tutto quello che abbiamo fatto durante l’anno”, conclude Italiano. “Ho sempre pensato che questa squadra, stando uniti e seguendo il mister, sarebbe potuta uscire dai momenti duri – le parole del capitano dei viola, Cristiano Biraghi – C’è sempre stata determinazione; difficile pensare di giocare due finali, ma ero convinto che avremmo fatto una stagione importante. Giocare due finali in un anno significa che qualcosa di importante è stato fatto. Dobbiamo portare Firenze in campo”. Sull’Inter di Inzaghi: “Mi aspetto una squadra da finale di Champions League, con giocatori di livello internazionale, che sanno come gestire queste partite e che come rosa è la più forte d’Italia. L’Inter giustamente è favorita ma se siamo arrivati fin qua meritiamo delle attenzioni ed usciremo senza rimpianti”, prosegue Biraghi. Poi c’è spazio anche per il ricordo di Davide Astori: “Portare la fascia a Firenze non è come farlo da altre parti. E’ un orgoglio portare avanti l’ideale di Astori, il suo obiettivo era di rifondare tutto e ritornare ai livelli della Fiorentina di prima mettendo tutto da parte”.
– Foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Condividi l'articolo su: